sabato 16 aprile 2016

Banda Rulli Frulli, finalista di 1MNEXT 2016

festa del lavoro a Roma : tra i nove finalisti anche la Banda Rulli Frulli


1MNext 2016 l’oramai famoso contest del Concerto della festa del lavoro di Roma, anche per quest’anno, dopo una serie di fasi di selezione che hanno visto la partecipazione di tantissimi nuovi talenti emergenti, arriva alla fase conclusiva con i nomi dei nove finalisti.

Solamente nove nomi quindi, scelti tra tutti coloro che, dalla somma dei voti espressi sul web con quota di influenza del 35% e quelli della giuria di qualità con quota di influenza del 65%, si sono dimostrati idonei per essere ammessi alla finale.

Ai nove nomi però, se ne aggiungeranno altri tre, per un totale di dieci artisti, che stavolta sono stati selezionati usando un criterio ben diverso rispetto a quello usato per i nove.
A selezionare infatti questi tre artisti, è stato il Circuito dei Live Club italiani, noto anche come Keepon Live.

festa del lavoro a Roma : anche la Banda Rulli Frulli
festa del lavoro a Roma : anche la Banda Rulli Frulli

Tutto pronto quindi per le tanto attese finali, tutte naturalmente in versione live, che avranno luogo nelle date del 22, 23 e 24 aprile 2016.

Come sede per le finali è stato scelto l’oramai noto live club romano, il Contestaccio, dove per tutte e tre le serate sarà presente la Giuria di Qualità al completo, che avrà l’importantissimo ed arduo compito di scegliere tra tutti i finalisti, i nomi degli unici tre artisti che avranno l’onore di potersi esibire durante il Concertone del Primo Maggio.

Tra i nomi dei finalisti, emerge anche quello della Banda Rulli Frulli, che nasce come progetto sperimentale nell’ormai lontano settembre 2010, della Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli di Mirandola.

Un progetto che però va a buon fine, come dimostrato dagli oramai sessanta ragazzi che ne fanno parte, compresi in una fascia di età che va dagli 8 ai 30 anni, con abilità diverse, che comprendono sia ragazzi abili che disabili, e generi diversi tra loro.

Gli strumenti utilizzati dai ragazzi non sono da ricercare tra i più convenzionali, bensì si tratta di oggetti di recupero che dopo essere stati opportunamente riciclati, vengono portati in vita per la seconda volta durante attività di laboratorio dove sono gli stessi ragazzi ad inventarli, costruirli e colorarli.

A dirigere questa particolare Banda è Federico Alberghini, che insieme ad altri tre collaboratori, quali Marco Golinelli, Sara Setti e Federico Bocchi, coordinano i ragazzi, ottenendo grandi risultati, come dimostra l’uscita del loro terzo album dal titolo “Cinquanta urlanti”.

Un album che non solo mette ancora una volta il grande lavoro svolto dai ragazzi, ma che vede le collaborazioni di molti grandi nomi, tra cui quello di Irene Grandi, Luca Mai, Tre Allegri Ragazzi Morti, Enrico Pasini, Stefano Pilia, Daniele Rossi, Lorenzo Borgatti e Simone Amelli.

Oggi, la Banda Rulli Frulli, si è definita come una realtà capace di superare le differenze facendo “musica d’insieme”, perché è solo attraverso la musica si può arrivare ad esaltare l’essere uncico di ogni individuo, lasciando da parte pregiudizi e distinzioni.

La filosofia che lega tutti i componenti della Banda, non è mirata però alla crescita fine a se stessa, ma al contrario, essendo “banda” mira ad una crescita di gruppo, e come tale non vi è la presenza di solisti, né ci sono elementi che spiccano rispetto ad altri ma al contrario, vige ad altissimi livelli il senso di uguaglianza, dove ogni individuo può dare il proprio contributo.

Una grande presenza quindi quella della Banda Rulli Frulli all’1MNext 2016, con l’assoluta certezza di assistere ad un’esibizione tra le più uniche ed eccezionali.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

venerdì 15 aprile 2016

Laura Boldrini, la festa del lavoro e il caporalato in agricoltura

festa del lavoro : Laura Boldrini a Masseria Canali


Celebrare la Giornata del primo maggio, che come tutti ben sappiamo corrisponde alla festa del lavoro, in una società dove il lavoro sembra quasi un miraggio, sembra essere quasi un paradosso.

Se poi a questo si aggiunge chi offre lavoro solo per sfruttare chi ne ha di bisogno, lo scenario che si presenta ai nostri occhi è davvero tragico.
Ed è proprio alla luce di quanto detto sopra, che nella città di Brindisi, la Giornata del primo maggio, assumerà un aspetto totalmente diverso.

Un’iniziativa della Flai Cgil regionale e provinciale, che vedrà la presenza indiscussa della presidente della Camera, Laura Boldini, che ha espresso la volontà di incontrare i familiari delle vittime del caporalato.

Laura Boldrini, la festa del lavoro e il caporalato in agricoltura
Laura Boldrini, la festa del lavoro e il caporalato in agricoltura

Un incontro che è stato programmato a dovere, e che avrà come sede la Masseria Canali, in agro di Mesagne, struttura confiscata ad un boss della Sacra Corona, che è stata poi affidata in gestione a Libera Terra e restituita quindi ad uso di tutta la comunità.

Proprio in detta occasione, sarà la stessa presidente della Camera Boldrini a voler incontrare una delegazione di lavoratrici agricole pugliesi e i familiari delle vittime del caporalato, per portare così a termine i lavori che hanno come tema centrale “La condizione della donna in agricoltura tra caporalato e illegalità diffuse”.

La giornata avrà inizio con l’accoglienza della stessa presidente, prevista per le ore 09.30, da parte di Luciana Manca e Irene Guarrera, noti anche come Gruppo “Scigghiate”, che renderanno esclusivo questo arrivo attraverso dei canti del lavoro pugliese sulle rivolte contadine e un breve inedito sul caporalato.

Successivamente, alle ore 10, avverrà l’incontro vero e proprio a Masseria Canali, dove avverrà il saluto da parte del Sindaco di Mesagne, Pompeo Molfetta, e quelli di Daniela Marcone, vicepresidente nazionale di Libera contro le mafie e responsabile del settore della Memoria delle vittime di mafia.

Troppe le vittime innocenti, che sono da ricercarsi in tutte quelle donne e quegli uomini che hanno perso la vita per dedicarsi al lavoro.

Vanno ricordate a tal proposito tutte quelle donne morte ad opera di incidenti stradali a bordo nei pulmini dei caporali riempiti sino a stati estremi, come anche tutti quegli uomini che, lavorando come braccianti, sono morti sui campi di lavoro per lo sfruttamento estremo fatto di doppi turni di fatica sotto il sole cocente.

Decine e decine sono i nomi di tutte quelle vittime, come le ultime quattro dell’estate scorsa.
Ed è proprio per prevenire questi tragici episodi, che Flai Cgil e Libera lottano insieme da molto per questo obiettivo, come dimostrano le altre attività svoltasi in procinto della Giornata della Memoria, ma anche dell’Impegno del 21 marzo, che hanno avuto come sede la stessa Brindisi, ma anche Francavilla Fontana e a Ceglie Messapica.

I lavori della giornata saranno aperti da Giuseppe De Leonardis, segretario generale della Flai Cgil Puglia, ma non va dimenticata la presenza della moderatrice, nonché giornalista, Raffaella Cosentino, a cui seguiranno le testimonianze di alcune lavoratrici agricole e dei familiari delle vittime del caporalato.

Non mancheranno inoltre gli interventi, che vedono spiccare i nomi di Alessandro Leo, presidente di Libera Terra, Gianni Forte, segretario generale della Cgil Puglia, Michela Almiento, segretaria generale della Cgil di Brindisi, e Giovanni Mininni, segretario generale nazionale della Flai Cgil.
La giornata però, vedrà la sua conclusione proprio con l’intervento della presidente della camera Boldrini.

Ad oggi sono ancora troppe quelle persone che vengono sfruttate lavorativamente parlando, come dimostrano chiaramente i dati presentati dalla Flai Cgi, dati tra l’altro presi da uno studio specifico che è stato effettuato ad opera di The European House – Ambrosetti.

Si tratterebbe di ben 400mila lavoratori, di cui la maggior parte stranieri, il cui trattamento è simile a quello degli schiavi e le cui paghe non superano i 25-30 euro giornalieri, da ricercarsi il più delle volte tra i migranti e le donne.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

martedì 12 aprile 2016

Simone Costanzo Shark al contest della festa del lavoro di Roma

Simone Costanzo Shark al contest della festa del lavoro di Roma


L’attesa del Concertone del Primo Maggio cresce sempre di più, e finalmente potremo assistere all’esibizione di tutti gli artisti che sono stati selezionati attraverso il famoso contest 1MNEXT 2016.

Moltissimi sono stati i giovani talenti emergenti che hanno partecipato a questo contest, che vedrà l’esibizione di tutti coloro che hanno superato le varie fasi della selezione, sul palco dell’oramai famoso Concertone.

Tra i tanti nomi di coloro che sono arrivati alla fine del contest come finalisti, ne emerge uno in particolare, ovvero quello del giovane ma talentuoso Simone Costanzo Shark.

Simone Costanzo Shark al contest della festa del lavoro di Roma
Simone Costanzo Shark al contest della festa del lavoro di Roma

Di origini tutte Siciliane, il giovane talento della bellissima terra del sole, appartenente alla classe 1997, ha fatto risuonare in diverse occasioni il suo nome.

Certamente non ci sarà potuto passare dalla mente quando il nome di Simone Costanzo, ha superato le selezioni per il 57° ed il 58° Festival di Castrocaro Terme, arrivando alle semifinali in entrambe le edizioni, per l’anno 2014-2015.

Fu proprio in queste due occasioni che Simone Costanzo generò un’altissima forma di interesse da parte della Produzione Rai che, in quelle occasioni, si occupava della preparazione di alcune puntate in attesa appunto della finale dello stesso Concorso.

Non solo in queste due occasioni abbiamo però visto spiccare il nome del giovane talento, come dimostra la sua partecipazione al Tour Music Fest ma anche a moltissimi concorsi che si sono svolti nella bella Isola Sicula.

Sono state infatti le provincie di Catania e Siracusa ad avere l’onore di ospitare il talentuoso Costanzo.

Ma il percorso musicale di Simone Costanzo è tutto in ascesa, come dimostrato dal grande successo che ha riscontrato dopo aver scritto e quindi anche cantato la sua canzone dal titolo “SHAKE YOUR BODY” che nel 2014 ha raggiunto i vertici più alti delle classifiche di tutto il mondo del genere musicale Latin House.

Sempre per chiudere in bellezza l’anno 2014, ecco che il 9 dicembre, con una etichetta discografica Siciliana “Una nuova luce”, esce il suo primo EP ufficiale, che è subito stato disponibile sia in tutti i digital store ma anche in vere e proprie copie fisiche.

Non va dimenticata inoltre la sua presenza in ben due master per cantautori che si sono tenuti presso l’Università di Asti, curati e realizzati in dettaglio dai migliori docenti sia a livello nazionale che mondiale a livello artistico e musicale.

Un grande percorso quindi è quello che emerge alla luce di quanto detto sul giovane Simone Costanzo, che vedrà la sua esibizione non solo sul palco del Concertone del Primo maggio.

Infatti il giovane talento sarà impegnato per tutto il periodo invernale con la promozione del suo disco, a partire da tutte le più belle piazze siciliane.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

domenica 10 aprile 2016

“Il Primo Maggio” di Edmondo De Amicis torna ad Imperia

All’asta i primi due capitoli autografi de “Il Primo Maggio” di De Amicis: il Comune di Imperia vince e sorride

Sarebbe stato davvero interessante poter ammirare l’espressione di Silvia Bonjean alla notizia della vittoria di un’asta che, da almeno una settimana, aveva animato i sogni ed i desideri di tutti i cittadini di Imperia. 

La direttrice della Biblioteca civica Lagorio di Oneglia è stata infatti la prima a dare, sul proprio profilo Facebook, la tanto attesa novella: il Comune di Imperia è riuscito a riportare a casa i primi 2 capitoli autografi de “Il Primo Maggio” del compianto Edmondo De Amicis. Un pezzo di Italia, un pezzo di storia, un pezzo di Imperia.

“Il Primo Maggio”( festa del lavoro) di Edmondo De Amicis torna ad Imperia


La notizia dell’asta

La notizia si era diffusa velocemente presso il Comune di Imperia, soprattutto per merito della segnalazione di Franco Contorbia, scrittore e professore di Letteratura italiana moderna presso l’Università di Genova. 

Nello specifico, la Casa d’aste della Libreria Antiquaria Gonnelli di Firenze avrebbe esposto, l’8 ed il 9 aprile, i primi due capitoli autografi del capolavoro incompiuto di De Amicis “Il Primo Maggio”, corredati da un terzo foglio contenente le sue preziosissime considerazioni personali sull’opera. 

Tre manoscritti di un valore culturale e storico incalcolabile soprattutto per chi, come i cittadini imperiesi, sente di appartenere ad Edmondo De Amicis come nessun altro.

Una raccolta fondi da “Libro Cuore”

Base d’asta: 2.800 euro per il pacchetto contenente il primo capitolo e l’inizio del secondo capitolo de “Il Primo Maggio”, e 1.000 euro per le “Considerazioni personali di De Amicis sull’opera”. Con una prospettiva poco incoraggiante: la grande concorrenza che avrebbe sicuramente spinto in alto le cifre, rendendole inavvicinabili per le modeste risorse a disposizione del Comune di Imperia

Una trama commovente in stile “Libro Cuore”, per rimanere in tema con le opere di De Amicis, che ha avuto un esito da favola: grazie alle donazioni personali del professore Corrado Bologna (Università di Pisa) e dell’assessore alla cultura Nicola Podestà, insieme ai 4.000 euro raccolti dai cittadini di Imperia, il Comune è riuscito a portare a casa entrambi. Nonostante i rialzi che hanno fatto schizzare il primo lotto a 3.600 euro, ed il secondo a 3.400, per un totale di 7.000 euro.

La ciliegina su una torta fatta di amore e di storia

L’autentica ossessione del Comune di Imperia per i primi due capitoli autografi de “Il Primo Maggio” è solo il risultato di un amore, e di un profondo rispetto, che la cittadina ligure ha sempre riservato a Edmondo De Amicis, nato proprio ad Imperia. E non è un caso che la Biblioteca civica Lagorio di Oneglia ospiti, all’interno delle sue mura, la ricostruzione dello studiolo dello scrittore

Con tanto di scrittoio originale, di biblioteca personale, di documenti manoscritti e di altri oggetti che molto cari furono a Edmondo De Amicis. Impossibile, dunque, resistere alla tentazione di aggiungere a questo scrigno di amore e di storia una ciliegina di tale calibro: il vanto e l’orgoglio di possedere i primi due capitoli dell’opera risalente al 1891, pubblicata come incompiuta un secolo dopo, spettava indubbiamente ai cittadini imperiesi. E così è stato.

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

Festa di Sant’Efisio e il primo maggio a Cagliari

Festa di Sant’Efisio e la festa del lavoro a Cagliari


La data del primo maggio, che come ben sappiamo corrisponde alla festa del lavoro, è celebrata in ogni parte del mondo.

Detta commemorazione spesso è affiancata da ogni sorta di manifestazioni, da ricercarsi sia nell’ambito musicale, che in quello religioso, che sono solite variare a seconda del luogo e quindi delle relative tradizioni.

Spostando la nostra attenzione sulla bellissima Sardegna, andremo adesso a vedere come viene commemorata detta giornata.

Legata fortemente a sentimenti religiosi, nella bellissima città di Cagliari, la giornata del primo maggio è legata indissolubilmente a partire dal 1657 alla Festa di Sant’Efisio, che vede il susseguirsi di ben quattro giorni dedicati interamente alla sua festa.

Festa di Sant’Efisio e la festa del lavoro a Cagliari

Festa di Sant’Efisio e la festa del lavoro a Cagliari


E’ proprio nelle giornate che vanno dal primo al quattro maggio infatti, che la festa di Sant’Efisio, vede il riunirsi di gente che arriva da ogni parte dell’Isola, proprio a Cagliari, per assistere e partecipare ad una delle processioni più belle e commoventi di tutto l’anno.

La festa, che si svolge esattamente nel centro della città, vede non solo il radunarsi di una folla immensa, ma anche la trasformazione di tutte le stradine che portano al luogo designato in un vero e proprio tappeto di fiori.

Il percorso di questa singolare processione, vede come percorso molte stradine di Stampace, e continua fino alla spiaggia di Nora, fino ad arrivare come destinazione finale alla chiesa da cui si era partiti.

Un percorso lunghissimo quindi, che però non demotiva la grande folla di fedeli che a piedi, ma anche a cavallo, e nello specifico sulle “Traccas”, ovvero carri tipici trainati da buoi e ricolmi di frutta di ogni specie e fiori.

Ben 350 anni di tradizione e storia quindi, che fa di questa festa, l’evento più importante della primavera sarda.

Se torniamo indietro nel tempo, andremo a scoprire come, le origini di questa festa siano appunto da ricercare nell’anno 1652, anno in cui la città sarda era stata colpita in maniera tremenda dalla peste, che non accennava a placarsi ne a dileguarsi.

Proprio in data 11 luglio 1652 però, fu proprio Sant’Efisio a liberare la città da questa grave forma di pestilenza, e fu proprio a partire da quel momento che tutti gli abitanti della città decisero di fare un vero e proprio voto al Santo che sarebbe poi diventato il protettore della città.

I preparativi per questo singolare evento interessano non solo la data, bensì tutto l’anno, che vedono tutti i devoti preparare i loro abiti ed i loro carri e cavalli, che saranno quelli che accompagneranno poi il Santo nel suo lunghissimo percorso, trasportato su di un coccio di natura molto semplice.

Le date che interessano questa particolare feste nel corso dell’anno sono quindi da ricercarsi nel 15 gennaio, data che segna il Martirio del Santo, ma anche il 1 maggio, che come detto sopra vede il realizzarsi della tanto attesa processione che, iniziando alle dieci del mattino prosegue per tutto il giorno, facendo una sosta a Sarroch dove si ferma per la notte.

Il cammino riprende il giorno successivo, quindi il 2 maggio, avendo come destinazione Nora, luogo del Martirio del Santo, per poi continuare per tutto giorno 3 il suo percorso sino alle rovine della città, per poi arrivare a Pula.

E’ proprio da Pula che il cammino riprende in data 4 maggio fin dalle prime ore del mattino, per fare il suo grandioso rientro a Cagliari intorno alle 22.30.

Entro la mezzanotte del 4 maggio, l’intera celebrazione è da considerarsi ultimata, e come ogni anno il voto è stato sciolto.

Una bellissima ed interminabile tradizione quindi, che lega inevitabilmente a questa bellissima manifestazione religiosa, la commemorazione della festa del lavoro.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

martedì 5 aprile 2016

I semifinalisti del contest 1MNEXT

I semifinalisti del contest 1MNEXT 2016

Eccoci finalmente giunti alla tanto attesa data di mercoledì 6 aprile, giorno che indica con esattezza la proclamazione dei 9 artisti finalisti dell’1MNext 2016, il contest del Concerto della festa del lavoro di Roma.

Solamente 9 quindi i nomi dei prescelti, che andranno così alla terza e penultima fase di valutazione. Un contest attesissimo e altrettanto partecipato, come confermano le ben 1000 iscrizioni pervenute, di cui solo 100 artisti sono riusciti ad arrivare alla fase successiva, dopo essere stati attentamente ascoltati e poi votati dalla Giuria di Qualità e dal Pubblico della Rete.

I 9 artisti quindi, sono arrivati all’ultima fase di questo contest, dopo un’attenta somma dei voti espressi dal pubblico della rete, quindi sul web, con una percentuale del 35%, ma anche dell’apposita giuria, con una percentuale invece del 65%.
In tutto però, i finalisti non saranno solamente scelti tra i 9 di cui si parlava sopra.

Ai 9 artisti infatti, se ne aggiungeranno anche altri 3, che sono stati opportunamente selezionati attraverso il Circuito dei Live Club italiani, conosciuto anche come Circuito Keepon Live.

Le finali live, a cui parteciperà anche il giurato Carlo Massarini, che non è potuto essere presente alle altre fasi della selezione per improrogabili impegni personali, avranno luogo nelle date del 22, 23, e 24 aprile, che corrispondono ai giorni di venerdì, sabato e domenica.

Un fine settimana impegnativo ed impegnatissimo quindi quello previsto per le date sopra elencate, all’insegna quindi di grande attesa e trepidazione per i nuovi nomi pronti ad iniziare la loro avventura in maniera concreta nel mondo della musica.

Il luogo prescelto per queste importantissime finali, è stato noto live club romano, nonché il Contestaccio, la cui direzione artistica vede brillare il nome di Marina Luca.

Durante tutti i tre giorni dedicati alle finali live, non potrà certamente venire a mancare la Giuria di Qualità, a cui questa volta sarà affidato l’arduo compito di riuscire a farci arrivare i nomi dei 3 artisti che si esibiranno direttamente in data primo maggio sul famosissimo palco del Concertone.

Per quanto riguarda infine il nome dell’unico vincitore del contest, la proclamazione avverrà direttamente in data 1° maggio, durante lo stesso Concertone.

Ecco quindi in conclusione, i nomi dei 9 artisti finalisti dell’1MNext 2016:
2elementi (Roma)
Banda Rulli Frulli (Finale Emilia)
Carboidrati (Crotone),
Davide Campisi (Enna)
I Santi Bevitori (Roma)
Il geometra Mangoni (Pistoia)
Simone Costanzo Shark (Catania)
Stip’ Ca Groove (Bari)

Toot (Roma)

RISULTATI UFFICIALI saranno pubblicati sul sito  http://www.1mnext.it/index.php/gli-artisti/i-finalisti



2eleMenti2ELEMENTI


BANDA RULLI FRULLIBanda Rulli Frulli




CarboidratiCARBOIDRATI



Davide CampisiDAVIDE CAMPISI





I Santi Bevitori

I SANTI BEVITORI




iL gEoMeTrA mAnGoNi

IL GEOMETRA MANGONI



Simone Costanzo SharkSIMONE COSTANZO SHARK


Stip' Ca GrooveSTIP' CA GROOVE


TOOTTOOT





Share:

lunedì 4 aprile 2016

Massa, Carrefour apre anche il 1° maggio e i lavoratori insorgono

Massa, Carrefour apre il primo maggio e i lavoratori insorgono

In occasione del primo maggio, giorno della festa del lavoro, vi saranno innumerevoli concerti ed eventi sparsi in tutta Italia, ma saranno solo alcuni gli italiani a poterci andare, visti gli ultimi avvenimenti accaduti nella città di Massa Carrara.
Nella provincia rossa, infatti, il centro commerciale Carrefour rimarrà aperto, e di conseguenza i dipendenti, che magari avevano già programmato di godersi una giornata di totale relax, dovranno invece recarsi a lavoro. Che il Carrefour rimarrà aperto non è una notizia certa, ma, soltanto la possibilità che il centro commerciale lo sia, ha spinto i sindacalisti ad annunciare lo sciopero e la manifestazione
"Noi stiamo pensando di fare la manifestazione del primo maggio proprio davanti al centro commerciale. È una manifestazione che ogni anno cambia posto e quest’anno potrebbe davvero avere senso farla lì." - Queste le dichiarazioni di Stefano Nicoli, della Filcams Cgil.
Massa, Carrefour apre nella festa del lavoro e i lavoratori insorgono
Massa, Carrefour apre nella festa del lavoro e i lavoratori insorgono

In realtà, nonostante molti non lo sappiano, è del tutto legale l'apertura di un negozio durante un giorno festivo e rosso di calendario, visto il decreto “Salva Italia” del 2012, che ha introdotto la liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi in base alla scelta dell’imprenditore. 
Questo decreto del 2012 non ha fatto altro che rafforzare il precedente decreto Bersani del 1998, legge che regolarizzava le aperture domenicali e festive per ben otto giorni all'anno.
Prima di questo avvenimento, nella città di Massa Carrara si era venuti a un ufficioso compromesso, che sanciva la chiusura festiva per almeno cinque giorni l’anno: il primo dell’anno, Pasqua, Natale, Santo Stefano e.. il primo di maggio
I patti, però, sembrano adesso essere totalmente sfumati, e, dopo l'apertura del Carrefour durante il 25 aprile scorso, adesso si prospetta che il centro commerciale rimarrà aperto anche in occasione del primo maggio.
«Siamo ovviamente contrari. Riteniamo che alcune feste siano intoccabili. E il primo maggio è una di queste. Capiamo che ora i tempi stanno cambiando e che le aziende vogliano andare avanti. Però ci sono dei principi: come vogliamo aprirci a nuove culture, dobbiamo rispettare anche i nostri, di principi. 
La nostra paura è che se tengono aperti il primo maggio, allora si arriverà ad aprire anche il secondo giorno di Natale. E poi, dove si arriverà? 
Questa è una festa laica, è l’unica del festa del lavoratore. Speriamo che il sindaco intervenga.» - Queste le giuste dichiarazioni di Francesco Vannucci, della segreteria provinciale della Ugl, che naturalmente teme che gli imprenditori approfittino della delicata situazione.

Clarissa Cusimano

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

sabato 2 aprile 2016

Luca Barbarossa conduttore del concerto della festa del lavoro

Luca Barbarossa presentatore del concerto del 1° maggio 2016


E’ tutto pronto per il tanto atteso Concertone del primo maggio oramai alle porte, e non vi è più nessun dubbio o segreto in merito ai grandi nomi che vi prenderanno parte.

Tra le ultime news, riguardanti appunto il famosissimo ed oramai intramontabile evento del mondo della musica, che come ben sappiamo anche quest’anno è stato promosso dai tre Sindacati, nei nomi di CGIL, CISL e UIL, ed organizzato dalla mano esperta degli iCompany e Ruvido Produzioni, arriva anche il nome di colui che è stato designato per condurre questo straordinario evento.

Il luogo scelto per la manifestazione, nonostante le varie notizie non dotate di nessun fondamento su altra locazione, sarà Piazza San Giovanni in Laterano, a Roma, ed il nome del famoso conduttore è quello di Luca Barbarossa.

Luca Barbarossa presentatore del concerto della festa del lavoro

Luca Barbarossa presentatore del concerto della festa del lavoro


Conosciuto oramai da tantissimi anni su molti fronti del mondo musicale e non, l’abbiamo visto negli ultimi sette anni alla guida del noto programma radiofonico 'Radio2 Social Club', dove da sempre crea scambi musicali tra gli artisti ospiti.

Quest’anno invece, sarà lo stesso Barbarossa a calcare il palco del Concertone nella bella Capitale, scelto tra moltissimi aspiranti proprio grazie alla sua capacità unica di interagire con gli altri artisti e di riuscire certamente a coinvolgerli come solo lui riesce a fare, dote che gli verrà certamente in aiuto sul palco di questo evento.

E’ proprio lo stesso Barbarossa ad affermare come si senta emozionato e lo fa usando queste parole: "Sono particolarmente emozionato nel tornare sul palco del Primo Maggio di Roma come conduttore.

Da cantante so bene che scarica di adrenalina si riceve da quella piazza. È un’onda positiva in cui si fondono musica e contenuti importanti che riguardano tutti noi. Ringrazio gli organizzatori per la fiducia che mi hanno accordato".

Ma se gli organizzatori hanno puntato su di lui, certamente un valido motivo ci sarà, certi che grazie alla sua presenza l’evento assumerà toni davvero brillanti.

Accanto a questo nome però, ne brillano anche altri, anch’essi di notevole fama anche a livello internazionale.

Era già infatti stato anticipato che sarebbero stati presenti sul palco del Concertone, artisti internazionali di grande fama come gli Skunk Anansie, ed a seguire moltissimi altri nomi come quello di Vinicio Capossela, che presenterà in anteprima alcuni brani del disco 'Canzoni della Cupa', ma anche quello dei Calexico, gli Asian Dub Foundation, ma anche i bosniaci Dubioza Kolektiv, ed a seguire i Modena City Ramblers, che si esibiranno con la Fanfara di Tirana, ma anche i TheGiornalisti ed, infine, Coez.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

lunedì 28 marzo 2016

JO M al contest 1M NEXT 2016


JO M al 1M NEXT 2016
Come saprete, domenica 1 maggio 2016, si terrà a Piazza San Giovanni a Roma un mega concerto in occasione della festa del lavoro, contest musicale intitolato "1M NEXT 2016". E' ancora in corso la votazione online, che decreterà gli 8 artisti che avranno la meglio sui rimanenti 92, e che potranno esibirsi sul palco durante l'imperdibile evento.
JO M  festa del lavoro
JO M  festa del lavoro

Tra i 100 cantanti in gara all'1MNEXT 2016, vi è Giovanni Mazzarà, in arte JO M, catanese classe '87, che inizia il suo lungo percorso musicale all'età di dodici anni. Neppure adolescente, Giovanni si dà da fare cimentandosi in un complesso studio da autodidatta, riuscendo da solo a imparare il solfeggio e a suonare la chitarra acustica.
Questo è il momento in cui JO M comprende che la musica sarà parte integrante della sua vita. Dopo lo studio, infatti, decide di avvicinarsi al mondo della "sezione ritmica" e di approcciarsi a un altro strumento musicale, la batteria. 

Giovanni Mazzarà nel 2001 lascia sporadicamente la Sicilia, per partire alla volta di Roma, città che si rivela davvero importante per la sua formazione musicale. I successivi sono per JO M anni intensi di studio e di sperimentazione, che lo portano nel 2014 a esordire come cantautore grazie all'uscita del suo primo videclip, quello concernente il singolo “MONDO MORBIDO”.
Dopo soli due mesi dalla pubblicazione della canzone, Giovanni Mazzarà viene selezionato dal gruppo di MTV, per partecipare a un importantissimo progetto, intitolato 'MTV New Generation Campus'. E' proprio grazie a questa esperienza che JO M ha l'opportunità di collaborare con artisti del calibro di Rocco Hunt e Niccolò Agliardi, che gli impartiscono valide lezioni, delle quale il giovane catanese fa tesoro.
Seguono ulteriori gratificazioni per JO M, che con il suo brano conquista, per due settimane consecutive nel mese di agosto 2014, il primo posto nelle classifiche radiofoniche di Rockol.it e di RepubblicaXL. 

Nell'ottobre del 2014 esce il secondo singolo, “VITA VERA”, inserito da RepubblicaXL al primo posto nella classifica radiofonica. Il 9 Aprile 2015 viene pubblicato il terzo singolo, “SOSPESO”, dopo di che Giovanni viene notato dalla Tillie Records: è questa la casa discografica che produce il suo primo disco, il quale sarà pubblicato ad aprile 2016.
Se volete che JO M si esibisca sul palco dell'1M NEXT 2016, potete votarlo al seguente link http://www.1mnext.it/index.php/gli-artisti/jo-m, cliccando sul "mi piace" in alto a destra. 

Vi ricordiamo che si terrà conto del giudizio del pubblico per il 35% dei voti, mentre la fetta più importante, composta dal 65% dei voti, sarà affidata alla giuria di qualità, composta da Massimo Bonelli, Massimo Cotto, Carlo Martelli, Carlo Massarini, Luisa Melis, Riccardo Sinigallia e Maria Cristina Zoppa.
Clarissa Cusimano

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

sabato 26 marzo 2016

festa del lavoro a Piacenza : cuncursass 2016 e Doctor Explosion

festa del lavoro a Piacenza: quattro "cuncursass"

Tornano ancora una volta, per l’11° edizione, i contest artistici e creativi, sempre attinenti al festival musicale ed enogastronomico della città di Piacenza, dedicato da ormai undici anni alla festa del lavoro.

Sarà infatti nelle date di sabato 30 aprile e domenica 1° maggio 2016 ritorna il "Cuncertass", organizzati come ogni anno dalla Cooperativa Sant'Antonio di Piacenza, che vedranno nei giorni designati, lo svolgersi di concerti musicali e manifestazioni culinarie di vario genere.

Per queste due date però, oltre a queste attività, sono previsti anche degli specifici contest dedicati ai giovani ed alla loro creatività, che sono diventati ormai parte integrante dello stesso evento.

Sia la manifestazione musicale, sia i contest, sono stati presentati alla Camera del Lavoro nel corso di una conferenza stampa con Ivo Bussacchini, segretario del Cgil, Pietro Corvi, direttore artistico, Marie Saitta, dei Giovani Democratici e Gabriele Scagnelli, dell'Associazione Primo Maggio.

I nomi sono rimasti celati, tranne per un'unica eccezione, cioè quello degli spagnoli Doctor Explosion, che chiuderanno le due giornate, in data 1° maggio, nella sezione serale.

festa del lavoro a Piacenza : cuncursass 2016 e Doctor Explosion
festa del lavoro a Piacenza : cuncursass 2016 e Doctor Explosion
Nomi conosciuti in tutto il mondo, dall'Australia al Giappone, i Doctor Explosion, con i loro vent'anni di carriera, hanno dato un nuovo volto al concetto di rock'n'roll grazie a concerti che non hanno eguali.

Per questa 11° edizione, i “cuncursass” sono 4, e come ogni anno sono aperti a tutti, senza esclusione di età, in forma assolutamente gratuita e liberi per quanto riguarda il genere di interpretazione che si intende presentare.

Nello specifico si tratterebbe di un contest fotografico, il cui tema scelto per questa edizione è “La scrivania del lavoratore”, ma anche di un contest di scrittura, il cui tema scelto è “Woman °work”, ed ancora un contest di disegno, il cui tema scelto è lo stesso del contest di scrittura, ed infine un contest culinario, il cui tema scelto è “Il panino del lavoratore”.

Per quanto riguarda il contest fotografico, ed il challenge di Instagram, l'obiettivo è quello di catturare uno degli aspetti più importanti e basilare del mondo lavorativo, ossia la scrivania, con tutti quegli oggetti annessi al suo stesso uso, quindi libri, computer, penne, matite, tazze da caffè, post-it, telefono ecc.

Per quanto riguarda invece il contest di scrittura e disegno, avente lo stesso tema, ovvero come da traduzione “donne a lavoro”, è stato opportunamente scelto per commemorare il 70° anno di diritto al voto concesso alle donne nel nostro Paese, e va detto che nell’interpretazione non occorrerà per forza seguire questo concetto.

Infine, per concludere, scendendo nei particolari del contest dedicato alla gastronomia, il famoso panino del lavoratore, dovrà essere preparato pensando al panino perfetto che ognuno di noi vorrebbe trovare sulla propria scrivania nella pausa pranzo.

Per chiunque fosse interessato ad iscriversi ad uno dei 4 contest, le iscrizioni rimangono aperte fino al 25 aprile, e come premi per i contest di scrittura, disegno e fotografia, si tratterà della pubblicazione delle opere vincitrici sul quotidiano "Libertà" e buoni spesa da utilizzare in libreria, mentre per il contest culinario, sarà un pranzo o una cena per due all'Osteria Fratelli Pavesi de La Faggiola.

Per consegnare le iscrizioni, nonché per inviare i propri lavori : CUNCURSASS 2016

I premi infine verranno consegnati ai vincitori dei vari contest, in data primo maggio 2016, giorno in cui per il contest culinario, la premiazione si svolgerà in diretta al momento dell’assaggio.

M.E.Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

mercoledì 23 marzo 2016

1MNEXT 2016, tutti gli artisti e votazione online

1MNEXT 2016, l'elenco degli artisti e come votarli

L'1 maggio 2016, a Piazza San Giovanni a Roma, si terrà un mega concerto in occasione della festa del lavoro, intitolato "1MNEXT". Durante l'evento si esibiranno otto artisti, che stanno attualmente partecipando al contest per venire scelti tra i 100 finalisti rimasti.
Da martedì 22 marzo 2016 a lunedì 4 aprile 2016 si svolgeranno le votazioni dell'1MNEXT, che decreteranno gli 8 artisti in questione, tenendo conto del 35% dei voti della giuria popolare e del 65% della giuria di qualità, composta da Massimo Bonelli, Massimo Cotto, Carlo Martelli, Carlo Massarini, Luisa Melis, Riccardo Sinigallia e Maria Cristina Zoppa.
1MNEXT 2016 festa del lavoro

1MNEXT 2016 festa del lavoro

Tra i 100 finalisti, due sembrano essere quelli più noti al grande pubblico. In molti, infatti, hanno avuto modo di ascoltare i loro brani durante le ultime edizioni del talent show di canale 5, Amici di Maria De Filippi, e chissà se adesso avranno l'opportunità di riascoltarli durante l'1MNEXT.
I primi sono i "Carboidrati", band che nasce nel 2006 dall'unione di alcuni giovani ragazzi nativi di Cirò, in Calabria. Il gruppo è riuscito a farsi strada nel mondo della musica, giungendo fino alla quartultima puntata del talent show e pubblicando successivamente un album dal titolo "Anche se qui", prodotto da Enzo Longobardi e dal maestro Adriano Pennino.
Gli altri sono invece i "Metrò", gruppo costituito da Antonio Sorrentino (Voce), Luigi Tarquini (Chitarra), Federico Fontana (Basso) e Marco Fiorenza (Batteria), giovani che si sono riuniti solo nel 2013, ma che hanno già avuto un buon riscontro con il pubblico. La band, infatti, si è aggiudicata nel 2015 il miglior titolo durante la prima edizione di Deejay on Stage, e nello stesso anno ha partecipato ad Amici di Maria De Filippi.
Oltre ai Metrò e ai Carboidrati, concorreranno per esibirsi sul palco di Piazza San Giovanni, durante l'1MNEXT, i seguenti artisti: 2eleMenti, 88 Folli, Absent Feet, Aeguana Way, Arianna Antinori, Banda Rulli Frulli, Barile + Gheesa, BELLI FULMINATI NEL BOSCO, BLACK BEAT MOVEMENT, Bosco, Capobbanna, Carolina Bubbico, Case di vetro, Ciauda, CIRQUE DES, RÊVES, Corde Oblique,
Dada Circus, Dade City Days, Damiano Fiorella, DANS LA RUE, Davide Campisi, Diana Winter, Diego Leanza, DOGMA, Domenico Sisto & Omerthà Music Clan, Elephant Brain, ELLA GODA, FARGO, FUNKYOU, G-FAST, Gianluca Secco, Giuliano Crupi, Giuseppe Pagliarulo, hello sPunk, I figli di Armando, I Santi Bevitori, Ignorantia Legit, IL BRANCO, Il geometra Mangoni, Il Terronista, ILENIA VOLPE, INCOMPRENSIBILE FC, insil3nzio, Io non sono, Bogte, Jo M,
Johnny DalBasso, Kafka Sulla Spiaggia, LA RUA CATALANA, Lamarck, LaSonda, LE SCIMMIE ASTRONAUTA, LES FLEURS DES MALADIVES, LeSigarette!!, Luca Benedetto, Malvezzi, Metamorfosi, MEXICO86, Michele Maraglino, MINI K, Misero Spettacolo, MOLLA, MOPLEN, NERANEVE, Niccolò Francisci, NiggaRadio, Officine Marconi, Pangea, Pecori Greg, pHnegativo, REMIDA, River, rocky horror, rosanna d'aprile, SABBA E GLI INCENSURABILI,
SALAMONE, Samuela Schilirò, Simone Costanzo Shark, SIMONE FORNASARI, Stanley Rubik, Stefano Palmieri, Stip' Ca Groove, Suntiago, TERZO PIANO, The Anthony's Vinyls, THE DOORMEN, TheRivati, This Makes Us Human, TITA, TOOT, UTO, VELODRAMA, VERDERAME, Vincent Butter, Virtual Time, Wicked Dub Division, Wicked Expectation, Yes Daddy Yes, ZOIS.
Per selezionare gli 8 artisti che si esibiranno durante l'1MNEXT, bisogna collegarsi al link http://www.1mnext.it/index.php/gli-artisti, cliccare sull'icona della band o del cantante che si intende votare e cliccare su "mi piace" in alto a destra. La lista definitiva verrà pubblicata sul sito il 5 aprile 2016.
Clarissa Cusimano

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

domenica 20 marzo 2016

Generazione Voucher, non sempre il lavoro è una festa

Generazione Voucher, l'abuso dei buoni lavoro nel mondo lavorativo


Con l'avvicinarsi della festa del lavoro vogliamo soffermarci su un aspetto spesso sottovalutato dello sfruttamento lavorativo. Lo stesso governo, preso atto del problema, ha in cantiere nuove misure per cominciare a contrastare l’abuso del ricorso ai cd. “buoni lavoro” per la retribuzione del lavoro accessorio o occasionale (ma che spesso di occasionale non ha nulla trattandosi di rapporti lavorativi palesemente stabili).

Misure che sono scattate dopo che il Ministero del Lavoro si è reso conto attraverso i dati statistici di una crescita annuale dell’uso degli stessi del ben 66%. Tanto che si può dire di essere passati dalla Generazione 1000 euro (noto film italiano risalente al 2009 con la partecipazione di Paolo Villaggio, Francesco Mandelli e Alessandro Tiberi) alla Generazione Voucher, precari e sottopagati.

Generazione Voucher, non sempre il lavoro è una festa
Generazione Voucher, non sempre il lavoro è una festa

Prima tra tutte è la possibile tracciabilità degli stessi voucher prima dell'inizio della prestazione lavorativa come è stato annunciato il 16 marzo da Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro. 

Misura che coincide anche al freno rilevato dall’Inps in merito alle assunzioni nel mese di gennaio.
Ben il 52% in meno in merito alle assunzioni, dato che corrisponde alle assunzioni in generale al netto delle cessazioni, come dichiara sempre lo stesso Ministro, mentre sarebbe del 58% per le assunzioni a tempo indeterminato.

Un calo di assunzioni prevedibile, afferma ancora Poletti, che sta ad indicare come gli sgravi hanno avuto un effetto distorsivo nel mercato del lavoro, il cui destino sarà quello di avvicinarsi sempre più all’andamento del Pil.

E’ facile notare come, se si guardi nello specifico alle assunzioni del gennaio 2014, anno in cui ancora non vigeva la decontribuzione, si sono aggirate introno alle 156.000, numerico che corrisponderebbe a ben il 50% in più rispetto a quelle del gennaio corrente anno.
Facendo quindi una panoramica a ritroso, è chiaro che gli effetti dell’attenuazione della decontribuzione, scesa del ben 40%, cominciano a farsi notare.

Scendendo invece nello specifico a capire quali siano i tratti salienti di un'altra componente del mercato del lavoro, ovvero quella relativa ai voucher, conosciuti anche come “buoni lavoro”, come affermato dal Cesare Damiano, ex-ministro del Lavoro, a partire dal 2008, anno in cui si iniziarono ad utilizzare gli stessi, il numerico utilizzato fu di ben 500.000.

Andando avanti nel tempo, solo nello scorso anno invece ne sono stati utilizzati 115 milioni di Voucher, cifra che per il solo gennaio corrente anno si aggira intorno ai 9 milioni.



Un vero e proprio boom quindi, che fa luce sull'aspetto legato al lavoro nero.

Ecco che a tal proposito, il governo ha avviato una vera e propria indagine, al fine di comprendere chiaramente la natura di questo abuso, mentre l’Inps si sta occupando di studiare bene il fenomeno.

Sarà quindi nel mese di maggio, che grazie ai primi decreti del Jobs Act, dovrebbe avere inizio la tracciabilità degli stessi voucher, che prevede per le imprese l’obbligo di comunicare via telematica, o ancora via sms, l’utilizzo del voucher in questione.

Ricordiamo che i voucher, furono introdotti nel 2003 grazie alla “legge Biagi”, ed il loro utilizzo era destinato a lavori extra, quali giardinaggio, manutenzione ecc, per i giovani al di sotto del 25° anno di età, utilizzo che invece è stato nettamente allargato nel 2012 con la “legge Fornero”.

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share:

sabato 19 marzo 2016

Il miglio di Roma, primo maggio 2016

Il miglio di Roma 1 maggio 2016


Altre novità arrivano per quanto riguarda gli eventi organizzati per la data del 1° maggio festa del lavoro a Roma.
Non solo riguardante il mondo della musica stavolta, bensì quello dell’atletica, ecco arrivare questo evento che fa rinascere e rivivere la 'Corsa dei Berberi'.

Attività promossa ed organizzata da Atleticom, la corsa chiamata “Il miglio di Roma”, proprio in merito alla lunghezza del suo percorso, nonché appunto un miglio esatto.
1.609 metri sarebbero proprio la distanza che separa Piazza del Popolo da Piazza Venezia, che corrispondono alla partenza ed al suo arrivo.

Come detto, l’evento è stato ideato e organizzato da Atleticom, insieme al patrocinio del Ministero per i Beni e le attività culturali, Regione Lazio, Roma Capitale, Coni, Fidal e Fidal Lazio.
Il miglio di Roma, primo maggio 2016 festa del lavoro
Il miglio di Roma, primo maggio 2016 festa del lavoro

Detta corsa, che nasce dal bisogno di far rivivere la vecchia e famosa corsa dei berberi, uno tra gli eventi più importanti del Carnevale romano, che si svolse dal 1466 al 1873, arriva adesso in forma tutta nuova e moderna.

Fu proprio dallo stesso evento che presero il nome molte delle vie che si affacciano su via del Corso, come per esempio la via del Vantaggio dove venivano fatti partire i corridori meno eccezionali.

Come spiega Camillo Franchi Scarselli, amministratore delegato di Atleticom, l’idea di far rivivere questa antica tradizione ai tempi dell’era moderna, è stata un’idea nata da un gruppo di amici, che però, dopo questo primo esordio, si farà di tutto affinché la stessa corsa torni ad essere una tradizione.

La scelta del famoso miglio, come continua ancora Scarselli, non è affatto casuale, ma è legata al famoso miglio che sempre ricorre nella storia dell’atletica a livello mondiale, basti pensare al Miglio di New York di First Avenue.

Nessuno esclude infatti che prossimamente, sia proprio la stessa Atleticom a non proporre un gemellaggio con la stessa.

Corsa dei Berberi, primo maggio 2016 festa del lavoro
Corsa dei Berberi, primo maggio 2016 festa del lavoro

Il percorso partirà da Piazza del Popolo e vedrà come arrivo Piazza Venezia. Gli atleti partiranno quindi da detta postazione in gruppi da otto per volta. Il programma della manifestazione avrà inizio a partire dalle 15:30 con la Festa dello Sport, che interesserà tutti i giovani delle scuole di atletica di Roma, per poi proseguire alle 16:30, orario che darà inizio al Miglio competitivo e non competitivo.

In programma vi è anche un Miglio universitario, che si svolgerà dalle 18,30, composto da squadre di studenti degli atenei romani, ed infine alle 19.30 si svolgerà una staffetta Telethon, tutte attività che infine lasceranno il posto al momento clou della manifestazione, ossia il Top Atleti, dove saranno coinvolti anche campioni di livello internazionale.

Per tutti coloro che fossero interessati a partecipare, si rende noto che le iscrizioni saranno aperte a partire dalla prossima settimana e sarà possibile effettuarle solo attraverso la procedura online, per un numerico di massimo di 1609 partecipanti.
Maria Elena Virga 

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com


Share: