Visualizzazione post con etichetta primo maggio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta primo maggio. Mostra tutti i post

martedì 21 marzo 2017

Festa del lavoro e disabilità

Festa del Lavoro, la disabilità come tema portante?


Il presidente nazionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti chiede ai tre principali sindacati di dedicare la festa del Primo Maggio 2017 al tema della disabilità

Quella del Primo Maggio è universalmente la Festa del Lavoro, ma almeno per quest'anno c'è chi chiede una dedica speciale alla disabilità. La richiesta arriva direttamente da Mario Barbuto, presidente nazionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che invita i sindacati almeno per il 2017 a trasformarla un un'occasione unica per dimostrare unità e solidarietà sociale.

La sollecitazione è stata inviata direttamente ai segretari dei tre principali sindacati italiani, Cgil, Cisl e Uil, e rappresenta una sfida unica come spiega Barbuto nel suo invito: “Scrivo per proporre alle Confederazioni Sindacali di dedicare il prossimo appuntamento del Primo maggio in tutte le piazze d’Italia al tema della disabilità, coniugata alla solidarietà sociale, all’eguaglianza e al diritto al lavoro”.

Non una novità assoluta in realtà perché una decisione simile era stata presa già nel 2016 a Bologna, quando il tema della disabilità aveva legato tutte le manifestazioni sindacali organizzate dai principali sindacati nel capoluogo emiliano, con grande e positivo riscontro sia da parte dei lavoratori che dei cittadini. 

Così allargare il discorso a tutto il territori nazionale avrebbe una valenza e un peso specifico ancora maggiore, soprattutto per denunciare il buco nero creato tra le leggi sulla disabilità e la loro applicazione pratica nel mondo del lavoro.

Festa del lavoro e disabilità


Come sottolinea infatti ancora Barbuto “nonostante le leggi di protezione, nonostante l'azione continua delle nostre associazioni rappresentative, sovente supportata anche da una consistente opera di sostegno delle Confederazioni Sindacali, centinaia di migliaia e forse milioni di persone con disabilità rimangono ogni giorno alla ricerca della loro dignità offesa, da conquistare innanzitutto e soprattutto proprio grazie alla realizzazione del diritto al lavoro che renda possibile l’indipendenza economica, l’autonomia personale, la libertà dal bisogno”.

Ecco perché accanto alle logiche rivendicazioni da parte dei lavoratori disabili e dei loro cari è necessario che si mobilitino anche le classi sociali più svantaggiate affinché quello della solidarietà sociale diventi un unico fronte comune. 

Ecco perché il presidente nazionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti invita i segretari delle principali sigle sindacali italiane a invitare sul palco delle manifestazioni nazionali gli esponenti del mondo della disabilità per veicolare un messaggio univoco alla politica italiana, sollecitando un nuovo impegno di lotta e di offerte che dimostrino anche un maggiore rispetto dell'uomo.
Share:

mercoledì 15 marzo 2017

Camila Raznovich : chi è la popolare conduttrice della festa del lavoro ?

Camila Raznovich e il Concerto del Primo Maggio 2017


Camila Raznovich è una conduttrice TV italiana, nata a Milano nel 1974, una delle prime a collaborare con MTV

Quando inizia a lavorare per Music Television, però, ha già all’attivo un curriculum di diversi programmi come Hanging Out, Select, Hitlist Italia, MTV on the Beach ed altri in lingua inglese.

Camila Raznovich
Camila Raznovich

Dopo aver condotto Night Express e alcuni programmi di Radio Italia Network, ed essere stata chiamata a partecipare agli spot pubblicitari di una nota marca nazionale, partecipa ad MTV Regeneration.
Conduce Loveline fino al 2010, e poi Drugline.

Nel 2004, invece, conduce Kiss&Tell, un programma di gioco di coppie, e qualche serata del talk Show Girls’ Night. Camila Raznovich ha all’attivo diverse partecipazioni della Rai, come Tatami su Rai 3 e la conduzione di Amore Criminale, entrambi programmi conosciuti e seguiti dal grande pubblico. Nel 2011 conduce Mamma mia… che domenica su LA7.

Dal 2011 è nella giuria di Lasciamo Cantare! e ancora con Amore Criminale, e nel 2014 sostituisce Licia Colò in Alle falde del Kilimangiaro.

Nel 2015 in occasione della festa del lavoro conduce il concerto del primo maggio

Camila Raznovich nasce da padre russo, nato in Argentina, e madre italiana; i suoi genitori si sono conosciuti e sposati in Argentina, e sono emigrati in seguito ai regimi militari oppressivi.

La ragazza visse in India da bambina e poi si trasferì in Italia.
Si sposa con un australiano per divorziare nel 2001, e tornare in Italia da New York, dove lavorava. 

Ha avuto due figlie: Viola, nel 2009, e Sole, nel 2012.

Con una carriera come conduttrice di tutto rispetto, oggi Camila Raznovich è una delle presentatrici più note al grande pubblico ed una delle più apprezzate in assoluto.

Versatile e solare, ha condotto programmi assai diversi fra di loro senza mai sentirsi o sembrare a disagio nel farlo.

Per il 2017 la conduzione del concerto della festa del lavoro è nuovamente nelle esperte mani della Raznovich. La nostra speranza di vederla sul palco non è stata disattesa

Share:

mercoledì 1 marzo 2017

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita (Confucio)
Choose a job you love, and you will never have to work a day in your life.
— Confucius

Le persone raramente hanno successo a meno che non si divertano in quello che fanno.
- Dale Carnegie



Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita
Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita 

Share:

giovedì 16 febbraio 2017

festa del lavoro in Finlandia: scopriamo il Vappu !

Come si festeggia la festa del lavoro in Finlandia, scopriamo il Vappu

La festa dei lavoratori, che come ci sarà oramai noto non viene commemorata solamente in Italia bensì in moltissimi altri paesi del mondo, ha a seconda del luogo dove viene celebrata, delle caratteristiche tutte particolari che seguono delle vere e proprie tradizioni.

Andremo adesso a vedere nello specifico come, detta festa del lavoro viene celebrata in Finlandia, dove la stessa assume un duplice significato, quello legato al mondo del lavoro ma anche quello legato al mondo degli studenti.

In Finlandia infatti, la data del Primo maggio sta ad indicare una festa, tra quelle non religiose, tra le più sentite e partecipate di tutto l’anno.

Festa del lavoro in Finlandia, scopriamo il Vappu
Festa del lavoro in Finlandia, scopriamo il Vappu
I festeggiamenti infatti vedono coinvolte tutte le fasce di età, dai più piccoli, agli adulti ma anche ai più anziani ed hanno una durata che va ben oltre la giornata designata, infatti si parla di ben 48 ore, quindi per ben due giorni che decorrono a partire dal 30 aprile.

Il primo maggio in Finlandia, in termini di paragone, è da identificarsi con i festeggiamenti della fine dell’anno, solo che data la sua collocazione in un mese che è alle porte della bella stagione, vedrà svolgere i festeggiamenti all’aria aperta e che sfoceranno indubbiamente in bellissimi pic-nic.

Per i finlandesi infatti, la data del primo maggio indica la fine del lunghissimo periodo invernale e l’arrivo della primavera, stagione che anticipa l’estate.

Questa bellissima festa è conosciuto con il nome di Vappu, che si svolge in tutte le città finlandesi e tra le più famose manifestazioni sono da ricercare nella città di Helsinki.

Come detto prima però, detta festa non riguarda solo i lavoratori ma anche gli studenti proprio perché la data del 30 aprile indica la fine dell’anno scolastico.

Ecco perché sarà possibile vedere fiumi di ragazzi percorrere le strade indossando il famoso l’ylioppilaslakki o più brevemente lakki, il cappello bianco con visierina nera tipico dei ragazzi che si sono diplomati al liceo.

Ed ecco che la bellezza e l’originalità di questa festa risiede proprio nel vedere come si uniscono nei festeggiamenti ben due generazioni, i ragazzi e gli anziani che trovano il modo di divertirsi alla stessa maniera pur essendo di due generazioni distinte e separate.

Ed eccoli che tutti insieme procedono per le vie delle città per arrivare come destinazione finale al luogo ove risiede la statua più importante della città che sarà pulita e lavata ed infine adornata con il lakki.

Il tutto in data 30 aprile in attesa dei veri e propri festeggiamenti del Primo maggio, giorno in cui inizia il Vappu.

Altro particolare della festa, oltre che i pic-nic è l’usanza particolare di vestirsi in maschera alché il Vappu diventa un vero e proprio carnevale di maschere e colori.
Share:

martedì 14 febbraio 2017

festa del lavoro nel mondo

festa del lavoro i festeggiamenti nei paesi UE e nel mondo


La festa del Lavoro, ovvero il Labor Day, è una festività che viene riconosciuta a livello mondiale ma in maniera totalmente differente: in molti Paesi mondiali ed europei infatti, tale festività assume un significato e una modalità di celebrazione completamente differente.

Breve storia della festività. 


Prima di parlare del come viene celebrata la festa del lavoro, è bene capire cosa si celebri. 

festa del lavoro 2016
Festa del lavoro nel mondo
Gli avvenimenti risultano essere due: il primo di essi consiste nell'ottenimento, a livello mondiale, dei diritti del lavoro, ovvero la riduzione delle ore lavorative che passarono dall'essere dodici, ed in alcuni casi quattordici, ad otto ore lavorative distribuite su cinque-sei giorni. 

Il secondo avvenimento che viene festeggiato è quello della morte delle decine di persone che, a Chicago, persero la vita.

Una protesta che avvenne nella piazza di Haymarket sfociò in un conflitto che vide la polizia sparare sulla folla di manifestanti, che comprendevano anarchici e lavoratori. 

Per questo motivo, il Primo Maggio viene identificato come il giorno della Festa del Lavoro in quanto, durante tale giornata, vennero commessi quegli atti ed i lavoratori ottennero finalmente dei diritti che, fino a quel momento, erano assolutamente assenti.

La festa del lavoro in Italia. 


La Festa del Lavoro, sul suolo italiano, viene considerata come giornata "sacra", ovvero la maggior parte delle attività, commerciali e non, risultano essere non operative, ovvero sono chiuse.

Sul suolo italiano vengono anche organizzate delle manifestazioni pacifiche, come ad esempio il concerto del Primo Maggio, che vede protagonisti volti noti del panorama musicale

La giornata risulta essere molto sentita da parte dei lavoratori, anche se generalmente si tende a scordare quanto accaduto agli americani durante tale giornata, quando molti di loro persero la vita.

La festa del lavoro in Europa.


La festa del lavoro, considerando il suolo europeo, risulta essere completamente differente: nella maggior parte dei paesi però, come ad esempio in Spagna, Francia e Germania, il giorno risulta essere festivo e quindi non si lavora. 

Sono tre i Paesi europei che celebrano, in maniera differente, tale festività: ad esempio, in Svizzera tale festa viene celebrata solo in alcuni cantoni, specialmente in quelli italiani, mentre negli altri il Primo Maggio viene considerato come giorno lavorativo classico. 

In Grecia, tale giornata viene considerata opzionale, ovvero alcune attività rimangono chiuse e celebrano tale giornata. 

In Inghilterra, tale giornata non viene celebrata nella maniera classica, ovvero con una festa vera e propria: essa però viene sostituita dal Bank Holiday, che permette ai lavoratori di avere due lunedì del mese liberi, dove i suddetti lavoratori non si devono presentare a lavoro.

La festa del lavoro nel resto del mondo. 


Se nella maggior parte dei paesi mondiali la festa viene celebrata il primo maggio, con qualche paese che opta per non far lavorare i dipendenti, in altri la situazione risulta essere totalmente differente.

In Canada e negli Stati Uniti, il Primo Maggio non è un giorno festivo, ma lo è il primo di settembre, giornata nel quale si ottennero i diritti sulle otto ore lavorative. 

In Australia invece, il cui nord è popolato per la maggior parte da italiani, il primo maggio viene celebrato in maniera classica mentre in Nuova Zelanda, tale festa viene posticipata al quarto lunedì di ottobre.

Tale modifica deriva dal fatto che, i diritti dei lavoratori di questa nazione, vennero ottenuti proprio durante tale data e non nel primo giorno di maggio.
Share:

venerdì 10 febbraio 2017

festa del lavoro negli Stati Uniti : il Labor Day

festa del lavoro negli USA

Negli Stati Uniti, il primo lunedì di settembre, si festeggia la festa del lavoro, il cosiddetto Labour Day.
Quest'anno la festa del lavoro cadrà il 5 settembre.

Si tratta di una variante dei festeggiamenti per i lavoratori che si tengono in diverse parti del Mondo,compresa l'Italia, dove la festa dei lavoratori viene, però, celebrata il 1 maggio.

La festività in America ebbe origine in Canada, in ricordo delle rivendicazioni del cosiddetto ″Movimento delle nove ore″, che portarono alla stipula del ″Trade Union Act″ (ovvero l'atto di legalizzazione dei sindacati, baluardo del diritto del lavoro angloamericano).

Festa del lavoro negli Stati Uniti : il Labor Day
Festa del lavoro negli Stati Uniti : il Labor Day

Successivamente, il sindacalista statunitense Peter J. McGuire, dopo aver assistito alle celebrazioni canadesi, decise di istituire festeggiamenti per la giornata del lavoro anche negli Stati Uniti.

Così, il 5 settembre 1982, i Cavalieri del lavoro organizzarono, a New York, una prima grande manifestazione.

Due anni dopo, gli stessi Cavalieri del lavoro approvarono una risoluzione per dare all'evento una cadenza periodica annua.
Nel 1894, la festività venne ufficializzata dal Congresso.

Come detto, la festa del lavoro nel Mondo viene celebrata il primo maggio, e questo in commemorazione ai caduti durante la rivolta di Haymarket, il 4 maggio 1886.
In realtà, la rivolta di Haymarket fu proprio il simbolo della lotta degli operai americani per la difesa dei propri diritti.

Si lottava contro condizioni lavorative insostenibili: gli operai erano sfruttati sette giorni su sette, per dodici ore giornaliere, in condizioni igienico - sanitarie più che precarie, per salari da fame.
Non erano risparmiati nemmeno i bambini, che venivano impiegati in lavori insalubri e pericolosi in fabbriche e miniere.

In tale scenario nacquero i primi sindacati che, con scioperi ad oltranza e accese manifestazioni, chiedevano insistentemente salari migliori e condizionai lavorative meno pericolose.
Ovviamente, non mancarono scontri tra i manifestanti e le forze dell'ordine, che ebbero il proprio culmine nei sanguinosi episodi dell' Haymarket Riot, il 4 maggio. 

Negli Stati Uniti, tuttavia, si decise di non utilizzare la data del 1° maggio, su pressione dell'allora presidente Grover Cleveland, il quale, temendo che la commemorazione potesse risultare troppo a favore del nascente socialismo, la elesse, più che altro, a festa di fine estate, da celebrarsi i primi di settembre, come previsto dai Cavalieri del Lavoro.

La data del 1° maggio fu, invece, adottata in Canada. 
La festa del lavoro negli Usa reca con sè divertenti eventi folkloristici lungo le vie della città, che si estendono a tutto il fine settimana precedente la ricorrenza.
Delizioso cibo di strada, musica e ballerini allietano le celebrazioni e intrattengono il pubblico.

Ma, prima di tutto, stante la chiusura delle scuole, degli uffici governativi e di quelli commerciali, la giornata del lavoro è, per i cittadini newyorkesi, un'ottima occasione per organizzare una gita fuori porta, una bella grigliata in compagnia di amici e parenti o una passeggiata al mare.

Infine, il secondo sabato di settembre, sempre in onore del Labour Day, si svolge una vera e propria parata (che, quest'anno, è prevista per il 10 settembre) a chiusura definitiva delle celebrazioni.
Share:

festa del lavoro in Inghilterra : il May Day

festa del lavoro in Inghilterra : quale differenza con quella italiana ?

La festa del Primo Maggio, dedicata ai lavoratori italiani, ha un’importanza fondamentale per chi lavora nel Belpaese. 
Essa simboleggia un complesso di lotte, di conquiste sociali e contrattuali che hanno messo in rilievo la dignità del lavoratore e i suoi diritti, il lavoro dei sindacati e così via dicendo.

Ma anche nel Regno Unito esiste una festa dedicata ai lavoratori, il May Day, che per i sudditi della Regina non corrisponde con il primo giorno di maggio bensì coincide col primo lunedì del mese.

Differenze rispetto alla famosa festa del lavoro italiana

Beh, un bel po’. Innanzitutto in Italia, come abbiamo detto, il Primo Maggio cade nella data fissa, a differenza di quanto avviene nel Regno Unito.

La festa del lavoro inglese, inoltre, getta le proprie radici in una tradizione antichissima, quella dei contadini di riunirsi a Maggio nella piazza del paese dove fra balli e canti si celebrava la fertilità della terra ed il lavoro abbondante ballando attorno al Palo di Maggio, issato nel centro della piazza.


Festa del Lavoro in Inghilterra : il May Day
May Queen

Questa abitudine, chiamata maypole dancing, era accompagnata dalla sfilata chiamata “The May Queen” durante la quale veniva incoronata la più bella bambina del villaggio, eletta Regina di Maggio. 

La bimba sfilava fra carri e gente festosa in un corteo, mentre tutt’attorno venivano eseguite danze tradizionali come la Morris Dance. Tra ghirlande fiorite, passi di danza, feste e cortei questa giornata ancora oggi viene vissuta in modo molto intenso, in una via di mezzo fra il festeggiamento per i diritti dei lavoratori e quello per l’arrivo della primavera.

Nel Regno Unito i lavoratori non fanno il “ponte” come succede in Italia, ma al Primo Maggio il lunedì successivo alla data essi recuperano diversi giorni di riposo per festeggiare questa ricorrenza storica e tradizionale.  
Share:

giovedì 9 febbraio 2017

festa del lavoro, le origini


festa del lavoro origini e storia

La festa del lavoro ha origini molto antiche: essa nasce grazie alle tante proteste che avvennero in America attorno al 1880.

Le prime manifestazioni in America : l'Illinois

Stanchi di lavorare in queste fabbriche, dove le condizioni di sicurezza erano completamente assenti e l'alienazione derivante dal troppo lavoro risultava essere un disturbo molto diffuso tra i lavoratori stessi, accadde che i suddetti lavoratori decisero di protestare affinché, le condizioni di lavoro, potessero migliorare notevolmente.

Le proteste dei lavoratori vennero accolte seppur in lassi di tempo veramente elevati ma fortunatamente, nell'Illinois le proteste non terminarono con degli spargimenti di sangue inutili.

Era il 1867 circa quando, un
gruppo di lavoratori americani residenti nell'Illinois, decisero di manifestare per ottenere un diritto che oggi risulta essere un oggetto sempre presente nei contratti, ovvero le otto ore lavorative.

In
America infatti, i turni di lavoro erano molto estenuanti e prevedevano turni di lavoro che, in alcune occasioni, raggiungevano e superavano anche le otto ore.

La lunga protesta newyorchese

La protesta non si accadde solo ed esclusivamente nell'Illinois: anche a New York fu possibile assistere a diversi scioperi e proteste che venivano organizzati dai vari gruppi sindacali, molti dei quali si riunirono nel gruppo conosciuto col nome di Cavalieri del lavoro, ovvero i Knights of Labor.

Inizialmente, il gruppo veniva conosciuto con la denominazione di Nobile Ordine ma, a causa del mondo ecclesiastico, tale nome venne successivamente cambiato.

Si trattava di un'organizzazione segreta la quale creava delle manifestazioni per poter fare ottenere, ai
lavoratori, i diritti che in altri luoghi americani, come appunto l'Illinois, vennero ottenuti con dura battaglie senza però ferimenti e scontri a fuoco.

Grazie a diversi scioperi vinti, l'organizzazione ottenne un numero elevatissimo di iscritti, ovvero una cifra pari a settecento mila unità circa.

Lo sciopera contro la Union Pacific Railroad, esattamente nel 1884, e quella dell'anno successivo, ovvero quella contro la Wabash Railroad di Jason Gould, fecero in modo che i
lavoratori ottenessero dei diritti riconosciuti e soprattutto inviolabili sotto ogni punto di vista.

Festa del lavoro : Le stragi di Chicago

Non tutta l'America, dove nacque appunto il concetto di festa del lavoro con conseguente ottenimento dei diritti dei suddetti lavoratori, avvenne in maniera pacifica.

Chicago ne è infatti la prova concreta: il tutto accadde attorno al 1886 in quell'episodio che prende il nome di Rivolta di Haymarket.

Questa altri non era che una piazza americana nella quale, alcuni lavoratori in sciopero, protestarono in favore delle otto ore lavorative.
Ad essi si unirono alcuni anarchici e soprattutto alcuni esponenti sindacali, che inveivano contro la fabbrica di macchine agricole McCormick.

Tali 
lavoratori venivano sottoposti a dodici ore di lavoro su sei giorni a settimana: la manifestazione assunse dei toni accesi che comportò l'intervento della polizia, che sparò sulle persone, uccidendone due e ferendone altre due.

Tre giorni dopo, un nuovo scontro accadde e stavolta, il numero delle vittime, fu veramente elevato.

Moltissime persone vennero impiccate e condannate all'ergastolo: dopo questi tragici fatti, il primo maggio viene riconosciuto come la festa dei lavoratori ed assume anche un significato importante, visto che quelle persone che persero la vita per i diritti dei lavoratori vengono tutt'ora oggi ricordate.

In Italia ci furono diverse rivolte dopo la notizia della strage di Chicago, tanto che a Livorno ci fu una grossa manifestazione ed attacchi ad una caserma, nella quale si disse che si rifugiò un ambasciatore americano.

La
 festa dei lavoratorentra quindi in vigore attorno al 1890.

Share:

mercoledì 1 febbraio 2017

sabato 30 aprile 2016

festa della mamma, origini e significato

festa della mamma 2016

Dopo la festa del lavoro del 1° maggio abbiamo una seconda data da festeggiare : la festa della mamma. Il primo tentativo di celebrare la festa della mamma è del 1908 negli Stati Uniti e da allora è stata esportata in tutto il mondo.

Se per convenzione la festa del papà si celebra il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, la festa della mamma pur essendo universalmente riconosciuta ha in realtà una data itinerante che a seconda dei Paese oscilla tra febbraio e dicembre.

Infatti in Norvegia è la seconda domenica di febbraio, a San Marino si festeggia sempre il 15 marzo mentre in Italia, ma anche Stati Uniti, Sudafrica, Australia, Brasile, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Paesi Bassi, Perù, Svizzera, Turchia, Ucraina, Uruguay e molti altri Paese è la seconda domenica di maggio, ma in Portogallo e Spagna è la prima di maggio, in Francia l’ultima di maggio, in Argentina la terza domenica di ottobre e in Russia ad esempio è l’ultima domenica di novembre.

Mother's Day negli Stati Uniti

Il primo tentativo vero di istituire la festa della mamma è del 1908 negli Stati Uniti quando Anna Jarvis istituì il Mother's Day (ossia la Giornata della madre) per onorare la mamma che era un’attivista a favore della pace.

festa della mamma 2016 festa del lavoro

In poco tempo la festa diventò molto popolare tanto che nel 1914 sotto l’allora presidente degli Stati Uniti, Woodrow Wilson, il Congresso deliberò di celebrarla la seconda domenica di maggio per esprimere amore e ringraziamento vero le donne che erano anche madri. 

La festa venne esportata nel 1917 in Svizzera, l’anno successivo in Finlandia, nel 1919 in Norvegia e in Svezia, nel 1923 in Germania e nel 1924 in Austria.

Festa della mamma in Italia

In Italia invece il debutto si fa risalire alla prima Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo il 24 dicembre 1933, quando sotto il governo fascista vennero premiate le madri più prolifiche d'Italia. 

Lo spostamento a maggio è della metà degli anni ’50: Raul Zaccari, senatore e sindaco di Bordighera, cominciò a celebrare la festa della mamma a Bordighera la seconda domenica di maggio al Teatro Zeni e nel 1958 insieme ad altri colleghi senatori presentò un disegno di legge per ottenere l’istituzione di una vera festa della mamma. 

Il dibattito fu aperto e andò avanti per diversi mesi, ma alla fine il progetto passò con una data fissa l’8 maggio. 

Solo dal 2000 la festa della mamma in Italia venne spostata alla seconda domenica di maggio e rimane ancora oggi una via di mezzo tra il commerciale e il tradizionale.

Share:

Meteo primo maggio 2016 : pioggia o sole sulla festa del lavoro ?

Meteo per la festa del lavoro


Pochissime sono oramai le ore che ci separano dal 1° maggio che come ci sarà oramai noto nel nostro Paese corrisponde con esattezza alla commemorazione della festa del lavoro.

Moltissimi gli eventi e le manifestazioni, musicali e non, in programma per la giornata di domani che vedranno tutte le varie Regioni d’Italia impegnate in questo giorno così particolare.

Ma attenzione, perché non sarà tutto rose e fiori! 

Meteo per la festa del lavoro

Meteo per la festa del lavoro


Non in tema di organizzazione degli eventi, che anzi al contrario fervono nel conteggio delle ore che li separa dalla tanto attesa data per dar inizio alle loro performance qualunque sia il loro genere, bensì riguardante l’aspetto meteorologico.

Stando alle previsioni date dai vari satelliti, la giornata del Primo Maggio non sarà da considerarsi tra le più belle e soleggiate come invece ci aspettavamo. La primavera “ballerina” quest’anno sembra infatti non voler trovare pace ed anche per domani la situazione non sarà tra le migliori.

E’ previsto infatti l’arrivo di una nuova perturbazione che questa volta porta il nome di “Ciclone Medea” che secondo i dati degli esperti meteo, interesserà tutta la Penisola.

Medea quindi è pronto a colpire, senza nessuno scrupolo per tutti coloro che hanno investito mesi e mesi di lavoro in attesa di essere pronti e dar via alle tanto attese manifestazioni per la giornata di domani.

Andando a vedere in dettaglio la situazione, è previsto un netto peggioramento a partire dalla giornata di oggi, 30 aprile, soprattutto al Nordovest e Sardegna con piogge in Piemonte, Lombardia e sull'isola.

Domenica 1 maggio, l'ingresso di aria più fredda porterà cielo molto nuvoloso o coperto su quasi tutta l'Italia. Precipitazioni da deboli a moderate al Nord, più forti e con temporali invece al Centro e quindi al Sud. Un po' più asciutta la Sardegna.

Nella giornata del 2 maggio le piogge, intense, si concentreranno sulle regioni adriatiche, e a macchia di leopardo al Sud per poi esaurirsi definitivamente, questa volta al Sud, entro il 3 maggio.
Dopo di che arriva l'alta pressione e farà decisamente più caldo.

Meteo primo maggio 2016 : pioggia sulla festa del lavoro
Meteo primo maggio 2016 : pioggia sulla festa del lavoro

Ancora clima ballerino quindi quello che ci aspetta, e che genera così un quadro generale poco rassicurante.

Sarà ancora una volta il meteo ad essere il protagonista indiscusso anche per la giornata della festa del lavoro , festa più attesa ed importante della primavera? O ci concederà clemenza?

L’unica speranza che ci rimane è che il Ciclone Medea decida di cambiare rotta e far si che il maltempo non rovini tutta la giornata di domani.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

mercoledì 27 aprile 2016

La banda del pozzo, finalista di 1mnext

La banda del pozzo, finalista di 1mnext - festa del lavoro

Anche La banda del pozzo è riuscita a piazzarsi tra i finalisti di 1MNext, assieme al Geometra Mangoni e alla Banda Rulli Frulli, dei quali vi avevamo già ampiamente parlato nei precedenti articoli.
"La banda del pozzo" era inizialmente un duo sorto a Barcellona Pozzo di Gotto, in Sicilia, dall'incontro tra Ezio Castellano e Rosario Lo Monaco, due ragazzi con una radicata passione per la musica.


La banda del pozzo, festa del lavoro
La banda del pozzo, festa del lavoro

Dopo anni di gavetta e di intensi sacrifici, le prime composizioni dei due giovani, che amano anche scrivere, iniziano a prendere forma, e con loro anche il caratteristico sound dall'aria retrò, ispirato a miti quali Fred Buscaglione e Django Reinhardt.
Tra il 2012 e il 2013 La banda del pozzo decide di abbandonare la Sicilia per partire alla volta di Milano e successivamente di Parigi; con questa sorta di tour i due giovani sperano di raggiungere notorietà all'interno del vasto panorama musicale e di portare a compimento alcuni progetti e importanti collaborazioni per arricchire il loro curriculum.
Alla fine del 2013 qualcosa cambia e La banda del pozzo, da duo che era, diventa un quartetto, grazie all'inserimento di Santì Giannetto alla batteria e di Andrea Grecchi al contrabbasso. La band inizia adesso a credere davvero nel progetto e decide quindi di pubblicare il singolo intitolato "Gina", brano prodotto da Francesco Sarcina, il celebre cantante delle Vibrazioni.


La banda del pozzo, festa del lavoro
La banda del pozzo, festa del lavoro

Ma è grazie al successo ottenuto su "Musicraiser" che La banda del pozzo può finalmente produrre il suo primo disco, che esce nella stagione autunnale del 2015. La band è riuscita, infatti, in pochissimo tempo a racimolare ben 6000 euro soltanto grazie al supporto di tantissimi sostenitori e seguaci, che hanno aiutato La banda del pozzo a realizzare il proprio progetto musicale.
La banda del pozzo è un gruppo musicale davvero ironico e divertente, che avremo modo di ascoltare e di conoscere meglio durante l'1MNEXT, che si svolgerà il prossimo 1 maggio 2016 a Roma.

Clarissa Cusimano

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

lunedì 25 aprile 2016

Come arrivare alla festa del lavoro a Genova

Come raggiungere la festa del lavoro a Genova


Grandi novità quest’anno per quanto riguarda la sede della manifestazione nazionale che, come ogni anno, è organizzata dai tre Sindacati del lavoro, nonché CGIL, CISL e UIL.

Primo Maggio a GENOVA : il Comizio della CIGL CISL UIL


Cambio di location quindi, che per quest’anno sarà non più Roma, bensì la bellissima città di GENOVA.

A deciderlo sono stati i Segretari Generali dei tre Sindacati, nonché Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, durante un incontro per discutere delle nuove regole contrattuali nella sede della Confapi.

Non solo cambio di sede però, bensì anche il tema scelto per quest’anno ha un volto tutto diverso, come testimoniano le parole dello slogan: “Più valore al lavoro. Contrattazione, occupazione, pensioni”.

Come arrivare alla festa del lavoro a Genova
Alle 11.30 in piazza De Ferrari comizi conclusivi dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo 

In data Primo Maggio quindi, nella città Ligure, la manifestazione avrà inizio a partire dalle ore 09.30 con il concentramento in GENOVA Piazza Della Vittoria (fonte http://www.cisl.it/primo-piano/1796-1-maggio-a-genova-la-festa-del-lavoro.html )

Google map :

Da cui poi si procederà con il corteo che attraverserà Viale Caviglia, Via Cadorna, Piazza Verdi lato Sud al confine con Viale Caviglia e che avrà inizio alle ore 10.30.

Attraversando le vie sopra citate si arriverà infine in GENOVA Piazza De Ferrari per il comizio conclusivo dei Segretari Generali. Il tutto si chiuderà intorno alle 13.30

AMT GENOVA - Linee BUS

http://www.amt.genova.it/COMUNICATI_STAMPA/2016/2441.asp

AMT GENOVA Domenica Primo maggio variazioni dei percorsi delle linee bus che transitano in centro città per manifestazione

Domenica 1º maggio 2016, dalle ore 8.00 fino a cessate esigenze le linee bus transitanti per il centro cittadino potrebbero subire limitazioni e deviazioni di percorso che saranno gestite sul posto dal personale graduato di Amt. Informiamo inoltre che, a partire dalle ore 19.00 di sabato 30 aprile e nella giornata di domenica 1º maggio fino al termine della manifestazione, l´accesso della metropolitana di De Ferrari (lato Ducale) resterà chiuso

AMT GENOVA informa che domenica 1º maggio 2016, a seguito della chiusura al transito veicolare del primo piazzale della Marina Aeroporto per manifestazione, il bus della linea integrativa I24, proveniente da Sestri Ponente, giunto all´altezza dell´hotel Marina Place Resort, anziché entrare nell'area di parcheggio, proseguirà lungo la strada principale, svolterà poi a sinistra nell´apposita corsia dove invertirà la marcia in direzione Aeroporto fino alla confluenza con il regolare percorso.

AMT GENOVA informa che, a seguito della chiusura al transito veicolare di un tratto di via Piacenza per lo svolgimento della manifestazione “San Gottardo in festa”, domenica 1º maggio 2016 dalle ore 6.30 alle ore 21.00, la linea 13 modificherà il percorso come di seguito indicato.
Direzione Centro: i bus, giunti all’altezza di via Geirato, proseguiranno per ponte Fleming, via Adamoli, Lungobisagno Dalmazia, ponte Monteverde, via Piacenza dove riprenderanno regolare percorso.
Direzione Prato: percorso regolare.

Programma manifestazione festa del lavoro

Programma manifestazione festa del lavoro

Programma manifestazione festa del lavoro

Primo Maggio a ROMA : il Concertone della festa del lavoro


Diversa invece è la situazione per la città Capitale, dove fervono i preparativi per il tanto atteso Concertone del Primo Maggio organizzato da iCompany e Ruvido Produzioni e promosso come sempre da CGIL, CISL e UIL.

Un evento tanto atteso dai giovani di tutta Italia e non solo, come dimostrato chiaramente dalla innumerevole folla che si raduna puntualmente ogni anno nella Piazza di San Giovanni in Laterano che dal 1990 ospita questo meraviglioso evento musicale.

Più valore al lavoro. Contrattazione, occupazione, pensioni 2016

Sono previste anche per quest’anno ben otto ore di musica no stop, che vedranno l’esibizione di tantissimi grandi nomi della musica sia nazionale che internazionale tra cui ricordiamo Skunk Anansie, Max Gazzè, Vinicio Capossela con i Calexico, Asian Dub Foundation, Salmo, Marlene Kuntz, Tiromancino, Fabrizio Moro, Gianluca Grignani, Coez, Bugo, Dubioza Kolektiv, Tullio De Piscopo, Gary Gourdan feat. Nina Zilli, Nada, Perturbazione feat. Andrea Mirò, Raiz Mesolella Rossi, Bandabardò, Ambrogio Sparagna, Mau Mau, Peppe Barra, Rezophonic, Modena City Ramblers & Fanfara di Tirana, Eugenio Bennato, Orchestra Operaia per Remo Remotti, Maldestro, Thegiornalist, Enzo Avitable, Tony Canto, Miele, Il parto delle nuvole pesanti, Med Free Orchestra con Roberto Angelini e Matteo Gabbianelli. (Kutso)

Non va inoltre dimenticato che accanto ai grandi nomi, si potrà assistere all’esibizione dei 3 finalisti del contest dedicato alle nuove proposte artistiche del Concerto del Primo Maggio, 1MNEXT 2016.

Ecco i nomi dei 12 finalisti di cui 9 provenienti dal concorso e 3 selezionati dal Circuito Keep On Live: 2elementi (Roma), Banda Rulli Frulli (Finale Emilia), Carboidrati (Crotone), Davide Campisi (Enna), I Santi Bevitori (Roma), Il geometra Mangoni (Pistoia), Simone Costanzo Shark (Catania), Stip’ Ca Groove (Bari), Toot (Roma), La Rua Catalana (Benevento), La Banda del Pozzo (Barcellona Pozzo di Gotto) e Locomotif (Catania).

Solo 3 quindi i tanto contesi posti disponibili per l’esibizione sul palco del Concertone, che sono stati scelti nelle serate del 22, 23 e 24 aprile live al Contestaccio di Roma e che saranno trasmesse in diretta streaming sul sito RAI.tv.

Il vincitore assoluto del contest verrà poi proclamato proprio in Piazza San Giovanni il Primo Maggio.

A condurre quest’anno sarà Luca Barbarossa che, per la prima volta nelle vesti di presentatore del Concertone, porterà sul palco tutta la sua esperienza di musicista e conduttore.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

domenica 24 aprile 2016

Come arrivare al concerto del primo maggio

Come raggiungere il concerto del primo maggio


Mancano oramai pochissimi giorni al tanto atteso grande evento, il tradizionale Concertone del Primo Maggio 2016 in ROMA Piazza San Giovanni in Laterano, che come da tradizione ogni anno, a partire dal 1990, richiama migliaia di giovani provenienti da tutta l’Italia e non solo. Mentre si troveranno a Genova i rappresentanti della CIGL, CISL, UIL Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo per la manifestazione della festa del lavoro

Una manifestazione studiata e pensata da sempre per riuscire a dare a questa particolare giornata commemorativa dei colori nuovi, unendo così i grandi temi del lavoro ai colori ed alla vitalità della musica.

Come ogni anno infatti, sul famosissimo palco del Concertone, si esibiranno anche per quest’anno i più grandi nomi della musica nazionale ma anche internazionale, senza dimenticare l’esibizione dei finalisti del Concorso che viene puntualmente bandito ogni anno, nonché l’1MNEXT 2016.

Roma: come arrivare al Concerto del Primo Maggio

Un mix quindi tra musica e grandi temi, che faranno della Giornata del Primo Maggio un momento da non dimenticare. Si rammenta che nella stessa giornata si svolge la gara di atletica il miglio di Roma.

Come arrivare quindi alla famosa Piazza di San Giovanni in Laterano che andrà ad ospitare il Concertone ?


DAL SITO DEL COMUNE DI ROMA 26/04/2016
https://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW1094783

Il concerto della festa del lavoro è in programma domenica dalle 15 a mezzanotte, ma già dal mattino scatteranno le modifiche alla viabilità nella zona.

L’area tra via Carlo Felice, via Emanuele Filiberto e la stessa piazza San Giovanni sarà chiusa e il traffico potrà incanalarsi solo lungo tre direttrici:

  1. la prima tra via Amba Aradam, piazza San Giovanni e via Merulana 
  2. la seconda da via Nola a via di Santa Croce in Gerusalemme ;
  3. la terza tra via Magnagrecia e via La Spezia.

Già dalle 5,30 del mattino, modificheranno i loro percorsi le linee 16, 51, 81, 85, 87, 360, 590, 673, 792. Variazioni di percorso si renderanno necessarie anche per i tram della linea 3 e per le vetture della linea 8 in entrata e in uscita dalla rimessa.

La chiusura di piazza di Porta San Giovanni si protrarrà nella notte per gli interventi di pulizia: saranno perciò deviati anche i bus notturni n. 1, n. 10, n. 11 e n. 28.

Probabilmente sarà attiva la Campagna "No ticket, no parti" in occasione della Festa del Primo maggio, dove il Gruppo FS Italiane intensificherà i controlli anti evasione, nel «rispetto delle migliaia di passeggeri che, pagando regolarmente in biglietto, in questi giorni sceglieranno il treno per i loro spostamenti lungo la Penisola».

Per quanto riguarda invece la zona che rimarrà interdetta sul fronte della viabilità, anche per quest’anno sarà quella compresa tra via Carlo Felice, via Emanuele Filiberto e la stessa piazza San Giovanni.

Sempre nella zona sono previste deviazioni o limitazioni di percorso per alcune linee di bus e tram: 16, 51, 81, 85, 87, 360, 590, 673, 792.

Per tutte le informazioni ed eventuali cambi di programmazione, sarà possibile consultare il sito del Comune di Roma http://www.comune.roma.it/pcr/it/homepage.page , ma anche quello ATAC di Roma http://atac.roma.it/ ed infine anche il sito ufficiale del Concerto http://www.primomaggio.net/ .

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

venerdì 22 aprile 2016

Expo 2.0 apertura il primo maggio

Expo e festa del lavoro


Una “seconda rinascita” è prevista in occasione della festa dei lavoratori del primo maggio per la città di Milano, sede della tanto rinomata esposizione universale che l’ha vista protagonista lo scorso anno.

Sarà infatti attraverso una serie di concerti e di manifestazioni previste appunto per la stessa giornata che potremo avere per la seconda volta il piacere di veder “rivivere” l’Albero della vita, icona della stessa esposizione.

Avverrà così quindi la “seconda inaugurazione” del sito di Rho, che avverrà con la rinascita i Expo in versione 2.0. Ben cinquanta milioni di euro sono stati stanziati per l’area Expo, previa autorizzazione dell’Accordo di Programma, firmato dalla Giunta Regionale della Lombardia.

Expo e festa del lavoro

Expo e festa del lavoro


E’ stata la stessa Regione Lombardia ad esprimere l’intenzione di non far rimanere chiusi per troppo tempo i cancelli dell’area che è stata designata per accogliere tutta una serie di eventi, tra cui va ricordato in primis la XXIma edizione dell’esposizione della Triennale di Milano per il gruppo di mostre “City after the City“.

Sarà proprio a partire dal mese di maggio infatti che la stessa area riprenderà a vivere con un utilizzo di tipo temporaneo in attesa che, anche il Comune di Milano, la Città Metropolitana, il Comune di Rho, Poste Italiane S.p.A., Expo S.p.A. ed Area Expo, tornino presto ad essere attive.

La data di “riapertura” scelta è proprio il Primo Maggio, data che corrisponde con esattezza, alla distanza esatta di un anno, all’apertura dei cancelli che hanno ospitato per ben sei mesi l’Expo.

Un’assenza voluta e dovuta al fine di riuscire a riorganizzare lo spazio ed a sgomberarlo da tutti i padiglioni collocati all’interno dello stesso, che vede l’apertura di Palazzo Italia, del Decumano e del Cardo, che nella fase definita “pre Expo” darà spazio a vari tipi di intrattenimento sia di tipo artistico che culturale, pensati per tutte le fasce di età.

Tra tutti gli eventi organizzati e che la città di Milano ha l’onore di ospitare, farà da apertura, in data Primo Maggio, l’esibizione in Concerto dell’Accademia della Scala, che farà da corona a tutte le manifestazioni in programma come da calendario.

A tal proposito vanno anche ricordate tutte le manifestazioni a carattere sportivo, ma anche di tipo ricreativo e musicale, che andranno a fungere da corolla alla tanto attesa finale di Champions League, prevista per il 28 maggio allo Stadio San Siro di Milano, e del concerto di Andrea Bocelli e Xavier Zanetti, organizzato esclusivamente a scopo di beneficienza.

Non è ancora stata ben definita la data di “chiusura” dell’area, che aperta ancora una volta al pubblico gli darà ancora una volta il piacere di essere il protagonista indiscusso di tutti gli eventi, anche se si parla di un’apertura fino al 2018.

E pur rimanendo in attesa di sapere la famosa data, nonché il nome del gestore definitivo, ma anche di sapere quale sarà con esattezza la reale nuova vita di Expo 2.0, la città meneghina sorride, pronta a godere un secondo momento di gloria, tornando così a far risplendere l’Albero della Vita.

M. E. Virga

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com

Share:

mercoledì 20 aprile 2016

festa del lavoro e Miss Italia a Lecce

L'1 maggio si aprono le selezioni di Miss Italia
In occasione della festa del lavoro, si terrà a Lecce la prima selezione ufficiale in vista della settantasettesima edizione di Miss Italia, il concorso di bellezza più famoso a livello nazionale.
L'evento, dal quale ogni anno emergono donne bellissime e talentuose che ottengono riscontri anche internazionali, sarà tenuto dalla celebre "Miren" di Patrizia Mirigliani e da“Parole & Musica” del foggiano Mimmo Rollo. Questa prima selezione verrà organizzata alle ore 18.00 del primo di maggio a bordo piscina, nel Grand Hotel Tiziano.
Sin dall'inaugurazione della prima tappa selettiva di Miss Italia, verrà eletta una delle finaliste di Miss Puglia, che potrebbe avere l'opportunità di sfilare a settembre sulla passerella dello studio di Jesolo.
Festa del lavoro e Miss Italia a Lecce
festa del lavoro e Miss Italia a Lecce
«Quest’anno con Miss Italia ripartiamo dal Salento perché negli ultimi anni si è consacrato come meta ideale dei giovani e siamo convinti di poter effettuare un ottimo scouting. Più tappe svolgiamo e più alta è la possibilità di intercettare belle ragazze in grado di esaltare la propria terra, la propria città alle finali nazionali in programma a Jesolo dal primo al 18 settembre». - Queste le parole di Mimmo Rollo, che si è mostrato incredibilmente entusiasta della gestione dell'evento sin dal primo momento.
E come dare torto all'agente regionale, visto che durante l'ultima edizione di Miss Italia sono state ben tre le miss in grado di portare alto l'onore della Puglia ? 

Si tratta della barese Miriana Farella e della manfredoniana (Foggia) Rosa Fariello. Mimmo Rollo parla con cognizione di causa anche perché quest'anno è stata pugliese la "Prima Miss dell'anno", la calciatrice tarantina Debora Novellino: è la prima volta che una pugliese si aggiudica questo titolo.
Come ogni anno, in base a quanto stabilito dal regolamento di Miss Italia 2016, le concorrenti che potranno partecipare al concorno dovranno avere tra i 18 e i 30 anni; tutto come al solito, quindi, se non fosse per una novità davvero entusiasmante: saranno ben 19 le Miss Curvy che verranno ammesse quest'anno alle finali di Miss Italia, e che concorreranno per il titolo finale.
«Non ricorreremo alle misure, che abbiamo ormai archiviato a Miss Italia, ma cercheremo le “ragazze giuste”, dalla taglia 44 ed oltre, tramite tre casting nazionali, al nord, al centro e al sud». - Queste le parole di Patrizia Mirigliani, che hanno dato una speranza in più alle ragazze che hanno sempre pensato di non poter partecipare.
Per essere selezionate, bisogna iscriversi sul sito ufficiale www.missitalia.it e attendere che i giudici contattino telefonicamente, quando sta per tenersi una selezione ufficiale all'interno del proprio comune di residenza. 
Dopo l'inaugurazione del primo maggio a Lecce, le selezioni si chiuderanno in Puglia il 27 agosto, dopo di che le 200 finaliste dovranno recarsi a Jesolo. La finale si terrà domenica 18 settembre 2016 in diretta su La7 dal PalaArrex di Jesolo.

Clarissa Cusimano

festa del lavoro - Tutti i diritti riservati - fest-del-lavo.blogspot.com
(c) fest-del-lavo.blogspot.com
Share: