Visualizzazione post con etichetta 2017. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta 2017. Mostra tutti i post

mercoledì 26 aprile 2017

Cgil Cisl Uil, il primo maggio a Portella della Ginestra

Sindacati, il primo maggio 2017 a Portella della Ginestra


Per la festa del 1° Maggio i maggiori sindacati come Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di festeggiare e celebrare la festa del lavoro a Portella della Ginestra

Tutto questo in occasione del 70° anniversario della strage dei lavoratori che hanno manifestato in passato contro il latifondismo. 

In quell'occasione erano davvero moltissimi i contadini e i braccianti agricoli che si riunirono sulle colline per poter assistere ad un comizio sindacale, quando al loro arrivo furono accolti da raffiche di mitra che fecero praticamente una carneficina.

primo maggio 2017 a Portella della Ginestra

In quella giornata si contarono undici morti e circa una sessantina di feriti. Tra i morti si ricordano anche due bambini. Quindi ecco che dopo settant’anni da quella che può essere definita la prima strage di stato, i maggiori sindacati vogliono convogliare tutti in quel posto.

Il primo maggio di settant’anni fa doveva essere un giorno di festa e di allegria, dopo che per anni nel nostro paese aveva regnato la guerra. Invece in quella bruttissima giornata arrivarono nuovamente fuoco e pallottole, fuoco della banda di Salvatore Giuliano. 

In quella giornata tragica ci furono undici morti e moltissimi feriti. Quest'anno i maggiori sindacati come Cgil, Cisl e Uil festeggeranno la festa dei lavoratori del primo maggio in quel luogo che è davvero molto denso di significato tragico per gli avvenimenti che avvennero circa 70 anni fa.

I maggiori esponenti dei sindacati come Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Brbagallo hanno deciso di trascorrere la festa del 1° Maggio in quel posto. 

Tutti coloro che si recheranno a Portella della Ginestra onoreranno la memoria di tutti quei lavoratori che hanno perso la vita. Facendo in questo modo si farà capire a tutti che la difesa del lavoro e dei lavoratori è davvero un fattore molto importante nella nostra società. 

Quindi nella vita non possiamo mai dare nulla per scontato in quanto ritornare a Portella servirà proprio a riprendere una battaglia che in questi anni ha subito davvero moltissimi ripiegamenti.

festa del lavoro a Portella della Ginestra

Ovviamente moltissimi lavoratori e non ricorderanno la strage che ci fu settant’anni fa ma allo stesso tempo è anche vero che il ricordo di massa può essere davvero utile in un momento di crisi come questo che oggi giorno sta affrontando il nostro paese.
Share:

lunedì 24 aprile 2017

Concerto primo maggio roma 2017 : Camila Raznovich e Clementino

Camila Raznovich e Clementino conduttori del concerto del primo maggio 2017


Ogni anno c'è molta curiosità intorno al concerto del primo maggio: quali sono i cantanti che saliranno sul palco, a chi sarà affidata la conduzione dell'evento? 

Un evento che è considerato un appuntamento storico, un modo per celebrare la festa del lavoro 2017 in allegria tra musica ed impegno, ricordando che l'Italia è (o meglio dovrebbe essere) una repubblica democratica fondata sul lavoro. 

Quest'anno la conduzione del concertone è stata affidata a Camila Raznovich e a Clementino.
Il concerto si tiene in piazza San Giovanni a Roma, attirerà tantissime persone anche quest'anno e come ogni anno sarà possibile seguirlo in televisione, per la precisione su RaiTre, con la diretta a partire dalle 15.00 fino alla mezzanotte.

Non è la prima volta che Camila Raznovich si trova sul palco del concerto a condurre la kermesse: l'aveva già presentata due anni fa.

concerto del primo maggio 2017

Una riconferma dunque per la conduttrice televisiva, che non è proprio nuova, del resto, al mondo musicale: ha lavorato per molti programmi di MTV Italia, e anche a programmi radio, mentre al grande pubblico probabilmente è nota soprattutto per aver presentato Amore Criminale e Alle falde del Kilimangiaro su RaiTre. 

Un volto noto che porterà la sua esperienza di conduttrice anche quest'anno sul palco del primo maggio.

La conduzione dello storico concerto del primo maggio per la festa dei lavoratori è invece una novità assoluta per il rapper Clementino

Il giovane rapper ha infatti affidato il suo entusiasmo e l'emozione per questa nuova veste di conduttore di un appuntamento musicale così importante ai suoi canali social, esultando per la notizia. 

Clementino ha fatto sapere che sfrutterà la sua esperienza di animatore di villaggi turistici per animare il palco come conduttore, e che inviterà anche Paolo Sorrentino, a cui ha fatto un omaggio nel suo ultimo disco.

festa del lavoro 2017

La presenza di Clementino al concertone è stata salutata dal mondo del rap e dell'hip hop come una rivincita per il rap, soprattutto dall'amico Fabri Fibra, che nel 2013 aveva visto cancellata la sua partecipazione al concerto della festa del lavoro per alcuni testi ritenuti "sessisti". 

Nello stesso anno Clementino era salito sul palco come cantante, e adesso lo fa in veste di conduttore.

Clementino, al secolo Clemente Maccaro, è uno dei rapper italiani più celebri ed apprezzati. Vanta anche numerose collaborazioni nel mondo del rap, oltre che con Fabri Fibra, anche con Marracash, Guè Pequeno, Noyz Narcos e Ensi.
Share:

domenica 23 aprile 2017

Cantanti concerto primo maggio 2017

Artisti concerto festa del lavoro 2017


Il concerto del primo maggio ogni anno è un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti della musica, ma non solo. 

Si tiene a Roma, nella storica Piazza San Giovanni, e non è solo un'ottima occasione per tutti i fans di vedere esibirsi i loro idoli, ma è un evento che ha anche e soprattutto una forte valenza sociale: il concerto festeggia la festa del lavoro 2017, e intende lanciare un messaggio importante soprattutto di questi tempi in cui i giovani fanno sempre più fatica a trovare un'occupazione, e ai lavoratori di lungo corso accade tristemente di vedersi licenziati.


primo maggio 2017 concertone Roma

A condurre il concerto quest'anno ci sono Camila Raznovich e il rapper Clementino, mentre i cantanti presenti come sempre sono in grado di accontentare tutti i gusti: grandi artisti nazionali ed internazionali. 

Ci sarà il vincitore del festival di Sanremo con la sua Occidentali's Karma Stefano Gabbani, e si può scommettere che porterà anche l'immancabile scimmia che balla. 

Da Sanremo arrivano anche Ermal Meta che ha portato la sua Vietato morire, e Fabrizio Moro con i suoi pezzi d'autore.

primo maggio festa del lavoro 2017

Da poco è uscito il loro nuovo album Terra, con nuove sonorità etniche: Le luci della centrale elettrica ne faranno ascoltare qualche brano agli spettatori del concerto.

La sua Non me ne frega niente continua a far furore in radio e su YouTube, e sarà accolta con calore anche in questa occasione Levante

Ci sarà il mostro sacro Edoardo Bennato, e Samuel dei Subsonica. L'elettronica sarà portata dai Planet Funk, il desert blues da Bombino, mentre Lo Stato Sociale, il Geometra Mangoni e Brunori Sas porteranno le loro voci alternative. 

Sarà interessante ascoltare il duo Marina Rei/Paolo Benvegnù, e c'è molta curiosità intorno al violinista Ara Malikian. Gli Editors portano alta la bandiera degli artisti internazionali, forti della loro partecipazione al Coachella e Lollapalooza. 

Lo stesso i londinesi Public Service Broadcasting con il loro modo unico di fare musica, sperimentando unendo passato e presente, mentre Teresa De Sio farà un omaggio a Pino Daniele.

Spiccano come sempre gli artisti alternativi: i genovesi Ex Otago forti di collaborazioni con Finardi e Caparezza; il premio Tenco Francesco Motta che porterà la poesia della musica italiana; la malinconia di Artù; Braschi nuova proposta di Sanremo; Mimmo Cavallaro che racconta la sua Calabria; Sfera Ebbasta con il suo successo social; La Rua band rivelazione dell'anno; Maldestro che racconta speranze e incertezze dei nostri tempi; gli ironici Apres La Classe.
Share:

venerdì 21 aprile 2017

UGL e festa del lavoro 2017 : protagonisti Matteo Salvini, Meloni e Fassina

Salvini, Meloni e Fassina a Latina con l’UGL per la Festa del Lavoro a Latina 2017.

Il sindacato dell’Unione generale del lavoro (UGL) ha organizzato, in occasione del primo maggio, la Festa del Lavoro che avrà luogo a Latina nei giorni 29 e 30 aprile e 1 maggio 2017.

Si tratterà di un’occasione per affrontare disparate tematiche ma anche per divertirsi e festeggiare. Infatti, si passerà dai caldi dibattiti circa la sicurezza sul lavoro, l’Europa, la globalizzazione e la disoccupazione giovanile, ai momenti di svago animati da band locali emergenti che inoltre prenderanno parte ad un contest musicale.

È stata annunciata anche la presenza del dj Alessio Giaccherini e della musica di Rino Gaetano che accompagneranno residenti e visitatori durante la festa.

Tra gli invitati alla discussione in Piazza del Popolo, spiccano i nomi di Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord ed europarlamentare, Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia- Alleanza Nazionale e Stefano Fassina, economista e politico militante nel partito SEL a partire dal 2015.

festa del lavoro 2017 a  Latina


Non sono mancate le polemiche, una fra tutte è stata quella mossa dall’associazione di Latina che già da tempo organizza il Primo maggio. Detta associazione ha sostenuto che l’amministrazione dell’UGL non avrebbe voluto concedere la piazza ove avrebbe avuto luogo il concerto.

A chiarire la situazione è intervenuto Giuseppe Giaccherini, Segretario Generale della UGL. Secondo il Segretario i due eventi non sarebbero stati contrastanti poiché la Festa del Lavoro sarebbe terminata alle ore 14 ed inoltre, il sindacato avrebbe anche offerto agli organizzatori l’utilizzo del palco senza alcun onere proponendosi anche di togliere qualunque segno distintivo dell’Unione, senza però ottenere un riscontro positivo.

Non mi resta che ringraziare l’amministrazione comunale – ha detto Giaccherini che ha provato a moderare la discussione con aperture notevoli. Sarà una grande festa per Latina, che sarà omaggiata dalla visita di migliaia di iscritti della Ugl e da migliaia di cittadini”.

Nessun dubbio, la festa si terrà comunque.

Il concerto serale, infatti, è stato organizzato grazie all’intervento del sindaco Damiano Coletta che ha reperito gruppi musicali per l’esibizione ed anche grazie al contributo economico offerto dall’Unione generale del lavoro per far fronte alle spese del concerto.

È tutto pronto, dunque, per queste giornate in Piazza del Popolo che vedranno l’alternanza di momenti di discussione e riflessione a momenti di svago per tutti i partecipanti.


Share:

martedì 21 marzo 2017

Festa del lavoro e disabilità

Festa del Lavoro, la disabilità come tema portante?


Il presidente nazionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti chiede ai tre principali sindacati di dedicare la festa del Primo Maggio 2017 al tema della disabilità

Quella del Primo Maggio è universalmente la Festa del Lavoro, ma almeno per quest'anno c'è chi chiede una dedica speciale alla disabilità. La richiesta arriva direttamente da Mario Barbuto, presidente nazionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che invita i sindacati almeno per il 2017 a trasformarla un un'occasione unica per dimostrare unità e solidarietà sociale.

La sollecitazione è stata inviata direttamente ai segretari dei tre principali sindacati italiani, Cgil, Cisl e Uil, e rappresenta una sfida unica come spiega Barbuto nel suo invito: “Scrivo per proporre alle Confederazioni Sindacali di dedicare il prossimo appuntamento del Primo maggio in tutte le piazze d’Italia al tema della disabilità, coniugata alla solidarietà sociale, all’eguaglianza e al diritto al lavoro”.

Non una novità assoluta in realtà perché una decisione simile era stata presa già nel 2016 a Bologna, quando il tema della disabilità aveva legato tutte le manifestazioni sindacali organizzate dai principali sindacati nel capoluogo emiliano, con grande e positivo riscontro sia da parte dei lavoratori che dei cittadini. 

Così allargare il discorso a tutto il territori nazionale avrebbe una valenza e un peso specifico ancora maggiore, soprattutto per denunciare il buco nero creato tra le leggi sulla disabilità e la loro applicazione pratica nel mondo del lavoro.

Festa del lavoro e disabilità


Come sottolinea infatti ancora Barbuto “nonostante le leggi di protezione, nonostante l'azione continua delle nostre associazioni rappresentative, sovente supportata anche da una consistente opera di sostegno delle Confederazioni Sindacali, centinaia di migliaia e forse milioni di persone con disabilità rimangono ogni giorno alla ricerca della loro dignità offesa, da conquistare innanzitutto e soprattutto proprio grazie alla realizzazione del diritto al lavoro che renda possibile l’indipendenza economica, l’autonomia personale, la libertà dal bisogno”.

Ecco perché accanto alle logiche rivendicazioni da parte dei lavoratori disabili e dei loro cari è necessario che si mobilitino anche le classi sociali più svantaggiate affinché quello della solidarietà sociale diventi un unico fronte comune. 

Ecco perché il presidente nazionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti invita i segretari delle principali sigle sindacali italiane a invitare sul palco delle manifestazioni nazionali gli esponenti del mondo della disabilità per veicolare un messaggio univoco alla politica italiana, sollecitando un nuovo impegno di lotta e di offerte che dimostrino anche un maggiore rispetto dell'uomo.
Share: